Sei cose che ti sei perso nella mostra We Happy Few

Marta
Marta

La demo di We Happy Few arriverà su PC e Xbox Preview il 26 luglio. È uno dei giochi più inquietanti per console, ma We Happy Few offre molto di più di quanto non sembri. Saturo di riferimenti alla cultura pop, ha una profondità sufficiente per lanciare un subacqueo in rapsodie. Il nome We Happy Few è solo un cenno * a quel discorso * nell’Henry V. di Shakespeare Henry V dice che lui e quelli che hanno combattuto per lui, ‘siamo felici pochi’, saliranno sulla terra, ma poi continua a dire (più o meno) che quelli che non sono con lui sono contro di lui. Bella clip.

Ma questo approccio è caratteristico del mondo distopico di We Happy Few. Nonostante la pre-mostra di Tolstoy abbia menzionato che “le persone felici non hanno storia”, We Happy Few è pieno di riferimenti alla storia, spettacoli teatrali, programmi TV, fiabe e libri. Anche il trailer era pieno di riferimenti allo show di spionaggio degli anni ’60 di The Prisoner, finendo in subdolo “vederti!“Ciascuno di questi riferimenti ci offre un piccolo assaggio della vita oscura di Wellington Wells e, credetemi, è indipendente.

Shakespeare

C’è stata una piccola rinascita nella storia inglese recente. I principali adattamenti del budget della BBC sono apparsi sulla televisione britannica in The Hollow Crown e nello schema Cromwelliano in Wolf Hall. Il Trono di Spade è pieno di politica di Shakespeare. Non c’è da stupirsi che We Happy Few sia stato l’ultimo a fare riferimento alla versione del Consiglio del nostro sanguinoso passato.

Anche se è stato fatto attraverso l’obiettivo distintivo del Redactor del 1984, gli annunci sul giornale di Wellington Wells pubblicizzano la soda del Duca di Clarence Malmsey. Riccardo III lasciò cadere suo fratello George, Duca di Clarence, in un tino di vino Malmsey, quindi l’allusione è più che un po ‘morbosa. Soprattutto da quando “Affoga il cane nero a Malmsey!” Berrò la bevanda che simboleggia l’assassinio di fratelli? Non sei buono. Ciò che lo infastidisce di più è che i poteri di Wellington Wells stanno usando questo cognato come punto di forza.

Dottor chi

Nell’angolo dell’ufficio di Arthur c’è un bidone. Non gli oggetti di scena più dinamici, ma prometto che andrò da qualche parte con questo. Il cestino stesso sembra un cenno ai Dalek, i cattivi più riconoscibili di Doctor Who, con il suo design a pannello sferico. Viene prestata attenzione alle piccole cose che contraddistinguono We Happy Few.

Vista per la prima volta sui nostri schermi negli anni ’60, la prima serie di Doctor Who di William Hartnell si adatta all’estetica retrò di We Happy Few, con i suoi vestiti a trapezio, i completi taglienti e gli alveari. Doctor Who è famoso per i suoi mostri e per i suoi frequenti viaggi in società capovolte. I mostri in We Happy Few possono essere della varietà umana (nonostante i sorrisi incollati sui loro volti) ma l’ambiente circostante è inquietante come sembra.

Il Bray Piper

Una rapida rivisitazione della storia di Pike Piper: i topi vengono nella città di Hamelin, Pike Piper viene, tira i topi con il suo flauto, ma quando la grande città si rifiuta di pagare, tira via i loro figli come pagamento. Che storia affascinante.

Quindi, naturalmente, Wellington Wells chiama il suo giornale “The Hamlynn O Courant” (Hamlynn, Hamelin; potato, potahto). Questo non è solo un riferimento al fumo. Mentre viaggiano per le strade, i Wastrel (sembrano molto più trasandati dei loro vicini puliti e acconciati nel centro di Wellington Wells) piangono di “piccoli giocattoli e letti”, e Wellington Wells manca di bambini particolari. Uno degli articoli di giornale che riceviamo cita un’indagine sui bambini registrati presso le autorità per un motivo sconosciuto. Forse sono stati buttati fuori da qualche parte proprio come nella fiaba …

Alice nel paese delle meraviglie

“Il coniglio ha perso l’orologio.” Il coniglio è probabilmente abbastanza in ritardo, in questo caso. Suona familiare? Il soffice roditore bianco che tutti conosciamo da Alice nel Paese delle Meraviglie è presente in questo messaggio in codice che viene cancellato da una delle cabine telefoniche di Wellington Wells.

Sicuramente sembra che Arthur sia caduto nella tana del coniglio in quella scena memorabile, specialmente dove c’è una carnosa piñata di ratto. Forse alcuni degli infelici residenti di Wellington Wells conoscono fin troppo bene la sua somiglianza con il Paese delle Meraviglie. Guillaume Provost, direttore creativo di We Happy Few, ha già confermato che Arthur è solo uno dei personaggi che possono essere interpretati, quindi potresti avere la possibilità di entrare nei panni dei ribelli (c’è troppa speranza che si chiamino Alice?) chi utilizzerà questi messaggi in codice.

Leggenda arteriosa

Next up: King Arthur e la sua famosa tavola rotonda. Percival era uno dei cavalieri seduti intorno alla sua tavola, cresciuto per ignorare l’etichetta dei cavalieri quanto me delle tecniche di tessitura dei cesti. Ma quando si presentò alla corte di Re Artù, si dimostrò dotato di talento naturale e accettò di essere un cavaliere d’acqua simile a un’anatra.

Seppellendo la testa tra le mani mentre il mondo intorno a lui diventa grigio, Arthur inizia a ricordare. Il suono di un treno echeggia tirando un’eco intorno alle sue orecchie. Un ragazzo lo chiama in lontananza. Arthur scrive ad alta voce “Percy!”. Il Percy per cui sta piangendo è suo fratello Percival, menzionato nel fatidico articolo che gli ricorda. Arthur, Percy – Sono scettico riguardo alla probabilità che i giocatori incontrino qualcuno di nome Lancillotto, ma con il primo personaggio che abbiamo visto chiamato Arthur non penso sia una coincidenza che suo fratello si chiami Percival. Percy ha forse ignorato le autorità perché, come il suo nome, ignorava l’etichetta accettabile? Sicuramente – forse – un parallelo tematico interessante allora.

È anche interessante notare il numero molto specifico dell’impresa di raccolta dei rottami dei fratelli. 1654 sterline. Questa è una grande quantità di acciaio sospetto da raccogliere per due ragazzi. Sembra molto simile a un riferimento alla data, non è vero? Il 1654 è stato significativo nella storia britannica per una serie di motivi. Vide un afflusso di ministri puritani nell’ufficio ecclesiastico britannico. Oliver Cromwell ha visto l’unione di Inghilterra e Scozia, e anche la fine della guerra anglo-olandese. Al contrario, iniziò anche la guerra anglo-spagnola e, forse, più significativamente, l’esecuzione di due assassini di Cromwell. Tutto questo materiale è maturo per l’esplorazione e il parallelismo nella particolare storia alternativa di We Happy Few in Gran Bretagna. Perché, certamente …

Storia alternativa

Quale sarebbe la prima cosa che faresti se potessi viaggiare in tempo? Alcune persone abbaieranno immediatamente “Uccidi Hitler!”. Il colonnello aristocratico tedesco Claus Philipp Maria Schenk Graf von Stauffenberg ha effettivamente tentato di farlo, ed è stato parte integrante della resistenza tedesca e dell’Operazione Valkyrie, il nome in codice del loro complotto per assassinare Hitler. Ma il 20 luglio 1944 il complotto fallì, poiché lo scudo di Hitler dalla bomba Stauffenberg aveva aggiunto a un pesante tavolo da conferenza di quercia. Stauffenberg è stato giustiziato dal plotone di esecuzione il giorno successivo.

Eppure in We Happy Few, dal 1947, il Col. Von Stauffenberg beo. Significa che Hitler è morto o è mai esistito nel mondo di We Happy Few? Sappiamo che, piuttosto che essere una vera opera di finzione, essere nel gioco è una linea temporale alternativa della storia mondiale britannica – e probabilmente. Sappiamo che la Gran Bretagna è stata invasa e occupata dalla Germania durante la seconda guerra mondiale. Sappiamo che il consumo di Joy è un trattamento, almeno in parte, per affrontare la colpa collettiva di “una cosa molto brutta” che gli stivali di gomma – e forse la popolazione britannica in generale – hanno fatto durante la carriera. Ma come si collega tutto insieme?

I riferimenti alla Craft Authority e alla citazione di Tolstoj che precedono la mostra (“Le persone felici non hanno storia”) si collegano certamente ai piccoli dettagli di una storia pubblicata ufficialmente, ma cosa sta succedendo esattamente? L’occupazione tedesca è sempre in corso? Stauffenberg è riuscito a uccidere Hitler, ma poi ha preso il sopravvento? Il riferimento al suo coinvolgimento nel quotidiano sopra può suggerire l’esistenza di quest’ultimo. La mostra contiene anche una serie di riferimenti quotidiani a una guerra in corso, almeno recente, contro l’Unione Sovietica. È un sottoprodotto della seconda guerra mondiale? La seconda guerra mondiale è ancora in corso? Sta accadendo la terza guerra mondiale o è tutta un’opera di propaganda?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *