Project Car Preview 3: Finalmente un simulatore di guida correttamente giocabile con un gamepad

Marta
Marta

(Credito immagine: Bandai Namco)

Il simulatore di corse assistito dalla community preferito da tutti ritorna nella seconda sequenza sotto forma di Project Cars 3, e ci sono stati dati giorni di accesso senza precedenti a una versione incompiuta ma completa del gioco su PC per abituarci. Ma ciò che è immediatamente evidente è quanto sia cambiato il suo ethos da quando ha sentito quella giornata tranquilla della prima partita. Sembra molto più simile a un rasoio simcade e Project Cars sembra ancora un gioco. Non è abbastanza quello che ti aspettavi o volevi sentire? Bene, non preoccuparti, il realismo è ancora lì se lo rivendichi, ma ora è più accessibile che mai …

La notizia migliore è quanto bene maneggia ora con un pad. La regola tradizionale è stata completamente rivista e il risultato sono gare che sembrano come i giochi si sentissero circa 15 anni fa. La limitazione intelligente del bloccasterzo in base alla tua velocità è stata implementata magnificamente, rendendoti meno propenso a metterti nella direzione sbagliata, pur gestendo in qualche modo il tempo di risposta superiore quando viene da te. Anche gli alti con solo modesti ABS e TCS possono essere controllati per un gioco super-in-game. Di conseguenza, il gioco è forse il modo più nobile per impegnarsi nelle corse simulate. Distruggi i freni ed è ancora possibile scivolare fuori strada in una curva realistica, ma senza dubbio è molto meno frustrante di prima.

In confronto, il controllo delle ruote (ho usato l’eccellente configurazione PS4 Fanatec CSL Elite) è tornato al vecchio Project Cars, con una distribuzione del peso molto realistica che può facilmente concludere un viaggio nell’agricoltura aziendale. Componi la difficoltà di guida al professionista ed è una manciata di reale, ma è più scorrevole e quindi di solito più veloce della stessa macchina e traccia con un pad.

Occhi puntati sul premio

(Credito immagine: Bandai Namco)

Anche la modalità carriera è stata rinnovata per sembrare molto più simile a un moderno gioco di corse, offrendo un percorso mirato e moderno attraverso le rispettive categorie di oltre 200 auto basate sulla struttura familiare delle “serie”. Si inizia dal basso, si completano gli eventi a tema con un’auto idonea, quindi si soddisfano i criteri stabiliti per sbloccare il campionato alla fine della serie. Completalo adeguatamente e sei al prossimo. Le auto ora possono anche essere “possedute correttamente” e hanno anche la nuova capacità di modificare la tua auto, oltre a personalizzarne l’aspetto, il che senza dubbio migliorerà la tua connessione emotiva con il gioco una volta che avrai il tuo braccio sotto il tuo orgoglio e gioia virtuali.

L’idea di soddisfare i criteri durante la corsa piuttosto che accumulare punti sufficienti per vincere una serie è un’esperienza di gioco più interessante e coinvolgente, ma che colpisce un simcade piuttosto che una simulazione completa. È ancora un pilota realistico per la maggior parte, ma con elementi di gioco extra, è molto più simile all’eccellente Forza Motorsport 7.

(Credito immagine: Bandai Namco)

Questo si estende anche alle immagini, con le icone che fluttuano lungo la strada che ti danno marcatori per i punti di frenata e gli apici delle curve. Questo ti dà una buona idea di come guidare piste sconosciute senza dover riempire lo schermo con una brutta linea di corsa dinamica, e significa anche che puoi misurare visivamente quanto sei vicino a ogni curva per padroneggiare vedendo se hai attraversato ciascuna pennarello o no. Ricordando le radici della serie “Need For Speed ​​Shift”, ogni singolo angolo può essere padroneggiato, sbloccando risultati aggiuntivi e talvolta utilizzato come criterio per la progressione dell’evento.

Crash sbattuto in avvio

(Credito immagine: Bandai Namco)

Il danno da incidente non è così devastante ora (almeno in questa build incompiuta) come lo era nel primo gioco. Le ruote della lettiera nei sedili con ruote singole aperte non ti mandano più al roll bar in una cascata di detriti; invece è una nuovissima “GRIGLIA” nella sua filosofia ora. Un sacco di spazzatura e odontoiatria ma pochissima distruzione effettiva. Si possono ancora vedere forti urti e una quantità ragionevole di deformazione e distacchi, ma non sono direttamente realistici data la gravità dell’impatto. Spero che cambi con il rilascio.

Il gioco sta funzionando bene, ma in alcune aree è ancora necessario apportare modifiche, specialmente le visioni. Molte delle vetture assomigliano più a carrozzeria in metallo, e gli edifici sembrano piatti e scarsamente illuminati, anche nelle gare notturne sulle strade di Shanghai appena aggiunte, il che dovrebbe avere un bell’aspetto data la grafica e la tecnologia grafica. Le strade della Toscana sembrano belle, ma ancora una volta lo scenario medio-lontano non è affatto il migliore della categoria. Queste schermate e clip video nella nostra anteprima sono state prese da un PC che esegue il gioco con impostazioni ultra per la grafica e gli effetti e solo il supersampling a quadrante basso attivato o disattivato per mantenere il frame rate fluido nelle scene occupate. Il gioco sembra già fortemente ottimizzato, tuttavia, con un’azione fluida come la seta e persino una modalità 144hz disponibile per la costruzione su PC, il che è bello se non eccezionale su un monitor decente.

(Credito immagine: Bandai Namco)

Detto questo, in una fase di casco con la funzione “guarda all’apice” abilitata, ha ancora un aspetto e un movimento molto belli, dando alle immagini leggermente sterili un’inclinazione molto più organica. Proprio come i due giochi precedenti, alcuni stili di corsa e piste sembrano migliori di altri, e quando ne trovi uno preferito, come la McLaren che gira intorno a Silverstone o guida un set da solista intorno alla pista di Interlagos, una nuova aggiunta, casa del Gran Brasile Prix, è molto divertente e ha quell’altro fattore una tantum in picche mentre ti sforzi di ottenere l’equivalente di premi d’oro in modalità carriera. Se starà al passo con la prossima generazione di Gran Turismo e Forza Motorsport è sicuramente un punto interrogativo, ma se giudicato in base ai suoi meriti, questo è un corridore ampiamente dettagliato che è più giocoso che mai, e a quanto pare è un suggerimento facile se vuoi unirti alla mania delle corse sim.

Project Cars 3 uscirà il 28 agosto su PS4, Xbox One e PC, quindi rimanete sintonizzati per la recensione presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *