Phoenix Point offre tutte le funzionalità che i fan di XCOM 2 potrebbero chiedere

Marta
Marta

(Credito immagine: Snapshot Games)

Quando ero bambino, sognavo tutte le cose che volevo fare nei miei videogiochi preferiti. Non importa quanto abbandonai un gioco, c’era sempre spazio per altro. Con l’aumentare del tempo e della comprensione di come sono fatte le cose che giochiamo, sono venuto a patti e ho definito i limiti dei giochi tanto quanto le meccaniche fondamentali che li modellano. Aggiungere più dati, più scelta, ancora più tempo non solo lo rende un gioco più grande, ma cambia completamente il suo DNA.

Ho trovato un esempio da manuale del fenomeno giocando a Phoenix Point, un nuovo gioco di strategia di Julian Gollop, creatore dell’originale X-COM del 1994 e sviluppatore di Snapshot Games. Phoenix Point attinge fortemente al franchise di riavvio XCOM con Firaxis, ma espande tutti i sistemi. In combattimento, le munizioni hanno solo una quantità limitata e puoi mirare manualmente a ogni colpo per mirare a parti del corpo specifiche per ottenere un vantaggio strategico. Tra una battaglia e l’altra, Phoenix Point prende la gestione e l’espansione delle risorse e del tempo di XCOM 2: War of the Chosen, e porta ogni quadrante a 22 – Puoi impostare più basi e una manciata di soldati di squadra. Esiste un sistema diplomatico complesso in cui puoi schierarti e opporti a vari campi motivati ​​ideologicamente.

Arrivare al punto

Avvicinandomi al gioco in risposta a XCOM, tutti i cambiamenti sembrano provenire dallo stesso punto in cui immaginavo il game design della mia infanzia. Ho giocato molto a XCOM 2 – centinaia di ore – e sicuramente ho pensato: “Perché devo scegliere tra queste due missioni se ho abbastanza soldati per farle entrambe?” O “Perché non ho mai sentito parlare di niente di simile – ha chiamato i gruppi di resistenza che vanno in missione per aiutare la causa? ” Phoenix Point accetta tutte le domande sul “perché non posso” che potresti porre e le apre la strada.

Naturalmente, “ma” sta arrivando.

(Credito immagine: istantanea)

Sono rimasto sorpreso quando ho visto queste idee in Phoenix Point, ed è anche chiaro che questi cambiamenti creano qualcosa di così diverso insieme che XCOM 2 non è più il punto di riferimento più efficace per il gioco. Volare in punti sconosciuti alla ricerca della sensazione minuto per minuto di gestire la tua squadra tra le battaglie è più simile a un gioco 4X complesso come Stellaris che a un gioco di “tattica”.

Sì, il combattimento strategico a turni ha ancora meccaniche di combattimento e tipi di unità simili, ma il combattimento non è più l’esperienza principale. Gestire la tua squadra è molto più importante e richiede una parte molto più grande del tuo tempo. C’è molta più preparazione e pianificazione: gestire le missioni di ricognizione per ottenere rifornimenti, completare le missioni per far avanzare la storia e mantenere i rapporti con le altre fazioni. Mentre il mondo si muove in tempo reale, ogni ondata di pianificazione dopo una missione o lo spostamento della tua squadra prende una svolta in Civilization e il gioco ha un tale ritmo. Le cose si muovono velocemente: c’è una nebbia sempre più ridotta e gli accampamenti alleati vengono spesso attaccati. Non vuoi far avanzare l’orologio finché non sai già cosa vuoi fare dopo.

(Credito immagine: istantanea)

Quel Phoenix Point non è un problema del gioco che mi aspettavo o mi aspettavo, ma evidenzia alcuni dei suoi elementi peggiori. Ha un tutorial – la semplice spiegazione ti dà solo abbastanza per manipolare tecnicamente i controlli – ma non fornisce informazioni su come gestire correttamente il tuo team. È sempre stato un ostacolo insegnare al giocatore giochi tecnici e sim di gestione 4X come giocarci effettivamente, e la confusione si è sentita soprattutto qui perché ho continuato a presumere che avrei avuto qualche utile conoscenza correlata, ma mi ha avvolto come un cervo in i fari.

Nessun punto

Non aiuta il fatto che il combattimento tattico di Phoenix Point non sia definito, quindi la parte simile a XCOM (e i miei interessi) è il punto più debole. Quasi tutte le missioni di Phoenix Point hanno livelli e nemici generati proceduralmente. I design automatici mantengono le cose fresche, ma sembrano troppo casuali. Allo stesso modo, molti dei personaggi, sia nemici che alleati, si sentono sbilanciati. I soldati di classe pesante si muovono a malapena, il che sembra incompatibile con le posizioni degli avversari spesso tentacolari. Alcuni nemici diventano poteri imprevedibili, come la capacità di diventare invisibili o usare l’artiglieria che può far esplodere una squadra in una volta sola. Ci sono modi per contrastare queste abilità, ma la casualità nei nemici e nel terreno rende difficile vedere alcuni contatti come qualcosa di diverso da un crapshoot.

(Credito immagine: istantanea)

C’è sempre un’eccezione, ovviamente. La più grande innovazione meccanica di Phoenix in combattimento, la capacità di mirare e prendere di mira manualmente parti del corpo, aggiunge una grande profondità strategica. Dal prendere di mira parti del corpo a un colpo alla cieca contro quei nemici invisibili, ogni attacco ha più opzioni. Ancora una volta, la meccanica ha ancora bisogno di molte rifiniture: sorprendentemente, è difficile prevedere quando un oggetto può o meno interferire con la tua capacità di tiro. Tuttavia, mostra che rispondere a quelle domande del “perché” che ne risulta può avere successo se ben meditato e applicato.

Tra la sua enfasi sul suo livello di strategia macro e problemi tecnici con il combattimento, Phoenix Point ti allontana dal flusso di giochi che lo hanno ispirato: non è una cosa buona o cattiva. È, tuttavia, un esempio notevole di come il pensiero informato possa cambiare radicalmente quando si adotta un approccio al massimo e si ha la massima scelta possibile. Spesso sono i progettisti di artefatti che dimostrano che un gioco sembra un gioco è ciò che lo rende attraente, o, per lo meno, accessibile.

Che tu sia un fan delle tattiche a turni o un buon RTS, c’è qualcosa per tutti con i migliori giochi di strategia a cui puoi giocare in questo momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *