Penso che la vita di Eternal Doom sia più artificiale che mai, e questa è una buona cosa

Marta
Marta

(Credito immagine: Bethesda)

Non è vero che tutti gli squali muoiono se smettono di muoversi. Alcuni hanno muscoli in bocca che attirano l’acqua per respirare anche da fermi. Ma possiamo presumere che Doom Slayer non lo sia. Il suo unico modo per sopravvivere è girare costantemente in cerchio, aspirare aria dalla gola dei folletti e vendicarsi, rallentando solo non appena il campo di battaglia è scivoloso di sangue. Guarda Eternal Doom in azione, e ovviamente nulla di tutto ciò è cambiato dal 2016. Ma la battaglia stessa sta diventando sempre più brillante.

Potrebbe essere a causa di Quake Champions che id Software ha fatto nel frattempo, ma la campagna di Doom Eternal uccide domini come le mappe multiplayer. Le armi non giacciono più a terra in attesa di essere raccolte, ma girano a mezz’aria, tagliandosi in un rivestimento verde acido. I vasi corcalati rompono la superficie di Marte, riempiti di liquido blu salutare, e le pareti distruttibili sono contrassegnate da crepe luminescenti, come l’uovo nel famoso poster alieno. I grafici di salto che una volta erano limitati alle strutture della Union Aerospace Corporation, dove potevano essere utilizzati nell’industria, sono ora utilizzati liberamente nella progettazione dei livelli. Brillano stranamente contro lo zolfo.

Ancora più nitide le nuove icone sono alla ricerca di un mondo. Urlano con testi come “DASH REFILL” e “1UP”, il tipo di design letterario che ti aspetteresti da sparatutto con pistole leggere nelle sale giochi. È come se id stesse cogliendo ogni opportunità disponibile per ricordarti che non sei su Marte, davvero – questo è solo un gioco. Sebbene Presidente 2K È impegnato a dire al mondo che siamo a una sola generazione di console da giochi che “sembrano davvero vivi”, Eternal Doom è quasi in contrasto con il suo rifiuto del naturalismo. Tuttavia, non è un segno che id abbia perso la trama – piuttosto lo studio ha un senso di sé più forte ora di quanto non abbia fatto per molti anni.

L’istinto dietro l’immersione

(Credito immagine: Bethesda)

L’istinto degli sviluppatori è nascondere i confini del loro mondo. Loro, come molti di noi, danno un premio all’immersione, l’impressione che un gioco sia così reale che potresti fare un viaggio e caderci dentro. È stato lo stesso istinto che ha spinto la pressione alla realtà virtuale, e prima ancora quella al 3D, con Wolfenstein e Doom.

Per certi versi, tuttavia, è un approccio sbagliato. Negli anni ’90 e ’00 la frustrazione era costituita da muri invisibili. Vedi quella montagna a Skyrim? Puoi scalarlo. A meno che tu non dica, naturalmente, che una montagna è oltre i confini del mitico paese di Tamriel – nel qual caso incontrerai un campo di forza impercettibile prima di raggiungerlo. Oggi, molto probabilmente ti verrà chiesto di lasciare l’area della missione e ti verrà dato una manciata di secondi per tornare prima che il gioco ti tiri indietro con uno scoop.

Non che gli sviluppatori debbano costruire paesaggi che hanno una portata infinita, ma se sono onesti sui limiti di un mondo di gioco, possono dargli forza piuttosto che arpa. I domestici sono sempre stati così. Stavi spingendo i muri nei giochi originali, il rivoluzionario motore id Tech di John Carmack. A volte si arrendevano, rivelando nascondigli segreti di munizioni o – con l’aiuto di cheat code – i file testa staccata progettista. Un pulsante o un grilletto mai visto prima allargherebbe un corridoio o prenderebbe un percorso da uno stagno di lava, rimodellando l’ambiente davanti ai tuoi occhi. La possibilità di trasformazione ti ha costretto a conoscere ogni centimetro della mappa, a trovare tutte le sue grotte e vicoli ciechi.

(Credito immagine: Bethesda)

“Eternal Doom è quasi in contrasto con il suo rifiuto del naturalismo”

In Doom 2016, id ha trasformato quell’unità in uno stile di gioco esplicito. Lasciare che i chip delle tute Praetor delle guardie d’élite ti consentano di potenziare i tuoi. Invece di aumentare la tua destrezza e resistenza ambientale, potresti duplicare la “tecnologia di scansione dell’area”, approfondire i dettagli delle tue auto o far pulsare la bussola quando c’erano segreti nelle vicinanze.

La schermata della mappa stessa ha catalogato i segreti trovati allo stesso modo dei giochi di Mario moderni: mostrandoli in ordine, in modo da poter scoprire in quale punto di un livello era nascosto un set di armature o una bambola Doomguy che non può ottenere. I più sorprendenti di questi erano pezzi dei classici livelli serbi incorporati nelle mappe, che venivano aperti solo da leve ombreggiate.

Costruisci una vita migliore

(Credito immagine: Bethesda)

Nel mio caso, questa codificazione dei segreti ha portato a un’ossessione per l’esplorazione di Servant che a volte mi ha ferito. Ho passato molte più ore a cercare in silenzio le basi UAC abbandonate di quanto non stavo combattendo le migliori battaglie che il genere FPS ha da offrire. Ma è una parte importante della fantasia di potere di Doom: non solo colpire tutti i nemici, ma avere tutto lo spazio, come non potresti mai essere, ad esempio, un soldato SAS vulnerabile in All Ghillied Up di Call of Duty 4: Modern Warfare.

Eternal Doom promette di diffondere questa esplorazione verso l’alto, combinando il doppio salto esistente con uno scatto in stile Rage che può essere attivato nel mezzo del volo, così come un gancio di presa e punti di oscillazione appena fuori dal Prince of Persia. Questi sono spazi per esplorare tanto in verticale e in orizzontale. Se trovo la mia strada, colpirò la scatola del cielo e vedrò cosa succede quando ci spingo.

Naturalmente, Eternal ci condurrà attraverso una visione immersiva del paradiso, dell’inferno e della Terra corrotta dai demoni tra di loro. Ma al suo meglio, Id ha sottolineato il fatto che i suoi livelli hanno dei limiti, sfregando i suoi limiti con strane possibilità e cose da trovare. Il segreto più eccitante dello studio è quello che potenzia il suo design di livellamento: solo quando riconosci i tuoi limiti puoi davvero iniziare a suonare in essi.

Eternal Doom è stato posticipato fino a marzo 2020. Purtroppo, dovremo aspettare ancora qualche mese per mettere le mani sulla versione finale, ma nel frattempo perché non leggere gli ultimi approfondimenti pratici di Doom Eternal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *