Orion: I creatori di Prelude chiedono agli sviluppatori di sostenere i loro giochi (forse orribili)

Marta
Marta

Se avessi iniziato a vendere un prodotto che avrei sognato di realizzare per anni e tutti lo odiassero completamente, probabilmente fuggirei in Tibet e andrei in un monastero. In qualche modo i creatori di Orion: Dino Beatdown / Prelude hanno superato quell’istinto, trasformando la loro tragedia in una sorprendente storia di successo attraverso tre anni di lavoro. E non perché non stiano bene con le vesti arancioni.

Potresti aver visto questo video sorprendentemente onesto di Spiral Game Studios, che inizia con una bobina piena di ustioni da parte dei critici sulla versione originale del gioco e termina con una buona pubblicazione delle recenti recensioni degli utenti. Ci ha parlato nella chat di gruppo GR +, quindi ho chiesto a David Prassel e Chris Gunderson degli Spiral Games cosa sarebbe successo se fossero corsi in Tibet con me (o forse avessero iniziato un gioco diverso).

“Non volevo chi sarei se avessi iniziato a fare scelte del genere”, ha detto Prassel. “Non sarei orgoglioso del gioco, non sarei orgoglioso della squadra e i fan ci ricorderebbero come le persone che hanno rilasciato ‘quel gioco di dinosauro schifoso’. Si dimenticherebbero completamente di noi o attaccherebbero in modo appropriato qualsiasi titolo futuro da cui provassimo a tirarci fuori “.

Gunderson ha detto che probabilmente sarebbero passati a un sequel, o una versione “puro multiplayer” di come appare Orion: Prelude ora, senza modalità cooperative, duelli o mondo aperto da esplorare. Ma sarebbe comunque un sequel di quel gioco di dinosauri schifoso, e “sarebbe difficile rimanere concentrati, attrarre nuovi talenti o fidarsi di tutti i giocatori in noi”. La nave salterebbe con rabbia le 45.000 persone che hanno acquistato Orion: Dino Beatdown quando è deragliata nel maggio 2012, anche se le vendite sono aumentate a meno di 800 unità tre mesi dopo.

Tre anni dopo, Orion ha venduto più di 2 milioni di copie e Prassel crede che, poiché hanno speso i soldi dei primi acquirenti per realizzare il gioco, vale davvero la pena acquistarlo. Anche il prezzo non ha danneggiato in modo permanente da $ 9,99 a $ 0,99. Pensa che la riduzione dei prezzi sia stata una delle migliori decisioni che abbiano mai preso e ha contribuito a creare una comunità di giocatori sempre migliore.

Ma vendere il gioco a buon mercato non è sufficiente per rendere felici i clienti. È qui che Prassel invita gli sviluppatori a supportare i loro giochi, anche, soprattutto se sono orribili.

“Chris e io proveniamo da un background di modding ed è sempre stato ‘come al solito’ supportare i tuoi progetti e la tua comunità il più possibile”, ha detto. “Eravamo circondati da questo atteggiamento e ti infastidisce solo e sono molto felice di essermi abituato a quella cultura ea quel modo di pensare.

“Abbiamo lavorato a questo progetto negli ultimi dieci anni ed è incredibile vederlo andare da dove è iniziato a dove si trova ora. Non penso che sia mai esistito e spero che ispiri gli sviluppatori ad aderirvi e Spero che ispiri fan e giocatori a chiedere di più da loro “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *