La modalità Ghost di Tsushima Kurosawa ha spiegato: come cambia il gioco e perché

Marta
Marta

(Credito immagine: Sucker Punch)

Fantasma di Tsushima La modalità Kurosawa porta il gioco ancora più vicino alla sua ispirazione cinematografica del cinema dei samurai, e sì, questo è in realtà il suo nome ufficiale.

In una nuova intervista con Intrattenimento settimanale, la coppia di direttori creativi dietro Ghost of Tsushima ha spiegato come è nata la modalità Kurosawa del gioco, cosa fa e come hanno ottenuto specificamente il permesso dalla proprietà del defunto regista di chiamarla così. Se non hai familiarità, Akira Kurosawa è stato uno dei registi più influenti del 20 ° secolo il cui genere abbraccia molti generi, ma in occidente è meglio conosciuto per le epiche samurai come Seven Samurai e Sanjuro.

Nate Fox di Sucker Punch ha citato entrambi i film come maggiori influenze per Ghost of Tsushima, con il duello climatico di Sanjuro che punta direttamente al sistema di stallo che i giocatori possono utilizzare per sfidare i nemici faccia a faccia. Lo studio voleva rendere un omaggio visivo diretto ai film in bianco e nero di Kurosawa con una modalità visiva opzionale.

“Abbiamo questo fantastico gioco che trasporta le persone nel Giappone feudale e Akira Kurosawa è stata una delle nostre guide di riferimento, soprattutto all’inizio di come volevamo che si sentisse”, ha spiegato Jason Connell.

“Man mano che ci avvicinavamo sempre di più a noi per portarlo a compimento, ci siamo detti, ‘Come chiamiamo questo metodo speciale che abbiamo creato, questo ritorno al passato in bianco e nero?’ Abbiamo lanciato una manciata di parole diverse e abbiamo pensato: “Sarebbe fantastico se potessimo chiamarlo Modalità Kurosawa”. Per fare ciò, abbiamo ritenuto di dover contattare la tenuta e vedere se era questo ciò a cui sarebbero stati interessati.

Apparentemente la tenuta è stata felicissima, perché la modalità Kurosawa è nel gioco. Connell ha detto che era solo un filtro in bianco e nero standard, o – ha analizzato le scene dei film sui samurai per scoprire quanto fossero scuri i neri e quanto fossero luminose le lune in una gamma di condizioni meteorologiche e meteorologiche, quindi lo ha replicato nel gioco. Inoltre, la modalità Kurosawa aggiunge un effetto di grana del film al display e cambia persino il suono in modo che suoni più come una vecchia registrazione che utilizza la tecnologia degli anni ’50. Oh, e il vento è più forte nella modalità Kurosawa, poiché Kurosawa amava i venti buoni.

Quindi Ghost of Tsushima è un gioco del 2020 che può sembrare e suonare come un film degli anni ’50 poiché racconta una storia ambientata nel Giappone del 13 ° secolo. Sono più eccitato ora.

Scopri di più su di esso L’ispirazione di Ghost of Tsushima nella nostra intervista con Nate Fox.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *