“Il momento in cui mi stanco è il momento in cui non mi tolgo il pigiama” – intervista sui giochi, di Mark Hamill

Marta
Marta

Mark Hamill rilascia merda diabolica che sente allo stesso tempo che la pelle viene strappata dalla carne e le impronte delle dita vengono depositate sul ferro ondulato. Se le viscere dell’inferno hanno una colonna sonora, eccola qui. Ma il discendente dell’attore pazzo ha solo un minuto e, per chiunque abbia giocato ai giochi di Batman Arkham, è fin troppo familiare. Mentre provava il suo ruolo di Joker, Hamill rideva di se stesso nella sua macchina: pratica, fa una battuta, cosa non così insolita a Los Angeles.

“Ho questo completo abbandono delle risate di Joker”, dice. “È come uno strumento musicale. Ride davvero nei momenti inappropriati e trova cose divertenti che le persone sane non fanno. Volevo farlo come una parte importante del mio Arsenal in termini di approccio al personaggio. Ci sono così tante persone a cui rendo omaggio: il piccolo Dwight Schultz [the A-Team’s ‘Howling Mad’ Murdock] ecco, Renfield Dracula allora. “

Per chiunque pensasse che la sua carriera fosse rimasta esclusivamente in una galassia lontana, distante da cose come Star Wars: Gli ultimi Jedi, Hamill ha l’ultima risata. Dopo aver interpretato per la prima volta Luke Skywalker nella trilogia originale, l’attore è sembrato scomparire dal mondo del cinema per un po ‘. Ma, al di fuori del cinema e della televisione, è stato sotto i nostri occhi per tutto questo tempo, come artista vocale per dozzine di videogiochi come Arkham Asylum, Darksiders e Star Citizen. Oltre a ciò, è stato un mentore in Soldier of Fortune 2: Double Helix, un narratore in Call of Duty 2 e l’eroe del titolo stesso in X2: Revenge of Wolverine.

Mentre attori affermati di solito si dilettano nei giochi per la rilegatura di film, Hamill ha abbracciato il genere con tutto il cuore. Star Wars ha lanciato la carriera di Harrison Ford, ma ha fatto cadere Hamill (e la sua co-protagonista Carrie Fisher) nell’inferno. Poiché suo padre era un capitano della Marina degli Stati Uniti, ha trascorso gran parte della sua giovinezza a trasferirsi, quindi dopo aver lasciato Luke con gli Ewok in Return of the Jedi, ha sempre fatto tutto ciò che ha fatto: andare avanti.

Fu questa necessità di rompere le convenzioni che lo portò, nel 1993, a trovare un nuovo mezzo: il videogioco. In Gabriel Knight: Sins of the Fathers, è stato uno dei primi attori affermati a esprimere un personaggio del gioco. Alcuni lo vedevano come un passo indietro, ma a lui non potrebbe importare di meno. “Sono sicuro che ci sia una serie di opinioni, da” Sei stato inghiottito “o” Non riesci a trovare un lavoro più legittimo? ” Ma quello snobismo arriva con gli affari “.

Quando il video di gioco in piena regola (FMV) è stato rilasciato a metà degli anni ’90, gli attori stavano mangiando le loro parole. I titoli potevano essere più campy di una serie di tende, ma non mancavano di talento, come Hamill scoprì quando interpretò il colonnello Christopher Blair in tre partite di Wing Commander.

“C’erano degli attori fantastici: Malcolm McDowell [A Clockwork Orange], John Rhys-Davies [Lord of the Rings]e John Spencer [The West Wing]. Malcolm è uno degli attori più divertenti con cui abbia mai lavorato. È semplicemente brutale nel suo umorismo e spietato in termini di torturarti davanti alla telecamera. Faceva smorfie e io gli dicevo: “Sai, non ti guardo mai negli occhi, ti guardo nel mento, SOB” “

Mentre ha sviluppato una carriera parallela nel voice-over animato – diventando una star di culto interpretando il Joker in Batman: The Animated Series – ha continuato a interpretare personaggi in giochi come Starsiege, godendosi le sfide dell’intrattenimento interattivo. Nei film, gli attori raramente esplorano ogni sfumatura di un personaggio. Nei giochi, i personaggi cambiano a seconda delle decisioni del giocatore. Alcuni giochi, come Full Throttle, gli hanno persino permesso di interpretare numerosi ruoli.

Questa è stata l’unica volta in cui Hamill ha agito per il titolo LucasArts. Considerando quanti giochi di Star Wars vengono rilasciati, si sta deliberatamente alzando in piedi per mostrare Skywalker?

“Quando ho giocato a Luke dal 1977 al 1983, i giochi erano agli inizi”, dice. “Ho parlato di voltare pagina e iniziare un nuovo capitolo. Quei film hanno avuto un inizio, una parte centrale e una fine, e tutti sono andati avanti. “

“Non so davvero come rispondere, perché non mi è mai stato chiesto di farlo. Va bene, però. Se interpreti Luke come ha fatto nei film – dalla fine dell’adolescenza alla metà degli anni ’20 – sono andato troppo oltre in questo ruolo. Nella storia, Luke è come un ragazzo di campagna della porta accanto, sembra Dorothy in Oz. Tutti gli altri personaggi intorno a lui sono fantastici. “

Dopo il ritorno dello Jedi, Hamill è diventato famoso per aver interpretato un altro ritratto, anche se Skywalker avrebbe scosso nel suo edificio. Durante gli anni ’90, ha interpretato il Joker in Batman: The Animated Series, rivivendo il ruolo in vari sequel e per il gioco del 2001 Batman: Vengeance.

“Ho interpretato Joker dal 1992 al 2004 in tutte le versioni animate, inclusi i film”, dice. “Mi sono fermato nel 2004 e non mi aspettavo di tornare, quindi quando mi hanno chiesto di tornare ero curioso”.

Con Batman: Arkham Asylum, è stato il ritorno di Kevin Conroy (Bruce Wayne) e Arleen Sorkin (Harley Quinn) della serie animata, insieme al talento di scrittore Paul Dini di Lost, a convincerlo a iscriversi.

“Ho pensato che questa sarebbe stata l’ultima possibilità per interpretare Joker. Ed è stato molto divertente interpretare un personaggio che è chiaramente pazzo. ”

È stata anche una buona scelta, Asylum si è rivelato un enorme successo di critica e commerciale, portando ad altri due sequel che terminano con Batman: Arkham Knight nel 2015. Ma cosa pensa Hamill guida il nemico di Batman?

“Sono un fan dei fumetti della vecchia scuola e ho pensato che Heath Ledger fosse brillante in The Dark Knight: una produzione straziante con una totale mancanza di gioia. Ma penso che Joker abbia un enorme ego, ed è quasi arrabbiato che Batman sia Lui. crede di meritare grandi elogi per la sua generosità “.

A Hollywood, Hamill deve incontrare persone del genere tutto il tempo. “Assolutamente, ma tutte queste cose sono esagerazioni della vita reale.”

Avendo recitato in film, televisione, teatro e animazione, Hamill non mostra ancora segni di rallentamento, anche quando si elimina Star Wars dall’equazione. Attualmente si sta godendo il suo 66 ° compleanno, l’attrice potrebbe essersi ritirata per crogiolarsi nella gloria del suo tesoro culturale anni fa, ma il suo amore per il lavoro continua. Ride ancora, questa volta non solo in un terribile modo lunare.

“Il momento in cui mi stanco è il momento in cui non mi tolgo il pigiama.”

Hamill sulla sua gloria di gioco preferita

Mark Hamill è apparso in oltre 30 videogiochi fino ad oggi e nella maggior parte di essi ha interpretato il ruolo del Joker, oltre ad alcuni sorprendenti cameo che potrebbero esserti sfuggiti.

Qui, imita alcuni dei suoi momenti salienti di una carriera di successo nell’industria dei giochi.

Call of Duty 2 (2005)

“Sono stato per lo più in studio da solo, facendo tutto quello che dovevo fare. Ma è davvero un artefatto, come un dialogo piegato. Un’enorme percentuale dei film di Star Wars è piegata, il che significa ADR – una registrazione di dialoghi aggiuntiva. Non è la traccia vocale originale: è con noi negli studi, a sostituire le nostre voci. Se c’è qualcosa che necessita di un rumore specifico, è piegato. Le brave persone te lo diranno: hanno vinto gli Oscar in tutti e tre i film. “

X-2: Wolverine’s Revenge (2002)

“La cosa della traduzione vocale che mi attrae è che è liberatorio non essere visto. L’anonimato fa parte della magia. Penso di essere un assistente mago, nel senso che se giochi con la tua destra, si scopre molto bene. Quando cambi, puoi interpretare una gamma molto più ampia di personaggi, poiché non sono correlati al tuo aspetto, ma al tuo suono. “

Batman: Arkham Asylum (2009)

“Joker se n’è andato perché è così impegnato in quello che considera il suo gene. Una relazione simbiotica è reale con Batman. Non so se due personaggi di fantasia siano più adatti l’uno per l’altro. Forse Sherlock Holmes e il professor Moriarty. Ci vuole una tale gioia in quello che fa. È assurdo in apparenza: non puoi portare con sé troppa logica della vita reale, ma nel mondo dei fumetti, ci vogliono così tanti cattivi per gestire il mulino. “

Total Throttle (1995)

“Ricordo di aver interpretato un personaggio in tre pezzi perfettamente adattato, quasi uno di un’opera di Tennessee Williams. Mi sono imbattuto in quel gioco con uno stato d’animo teatrale di repertorio, dove una sera interpreti un macellaio, il giorno dopo la celebrità, poi un calcio alla schiena la terza notte. Forse la quarta sera non sei nemmeno sul palco: gestisci lo stand. Giacca di tutti i mestieri, qualsiasi maestro. Sono cresciuto in quel modo. “

Soldier of Fortune II: Double Helix (2002)

“Amo le parti dei personaggi perché finora ti sono state prese. Quando interpreto Amadeus o Joseph Merrick (alias “The Elephant Man”) a Broadway, mi guardo allo specchio e sento che Mark si sta ritirando e che il personaggio è lì. Seguo il lato malvagio della segreteria perché premono i pulsanti del pubblico e le emozioni illecite che creano una storia colorata. “

Gabriel Knight: Sins of the Fathers (1993)

“Qui è dove Mark deve essere Steve Buscemi: un personaggio aiutante con Tim Curry. Curry è un attore magistrale. L’ho visto sul palco quando ha eseguito Rocky Horror al Roxy Theatre di Sunset Boulevard. Quando ascoltavo le tracce di Tim, nella mia immaginazione avevo un set perfettamente illuminato, anche se ero in uno studio di registrazione. Per me questo è ciò che è così eccitante della recitazione vocale per i giochi. “

Wing Commander (1994-1997)

“Avevamo tutti i tipi di volantini. Se guardi il gioco, quando guardiamo l’interfaccia del gioco con una luce sul nostro viso, è fuori dal gobbo a causa dell’enorme quantità di dialoghi. Una delle cose migliori della creazione di animazioni o video è che non devi memorizzare le tue battute. Diventi vecchio quanto me, è difficile. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *