Il cast di Guardiani della Galassia mostra il sostegno del pubblico al finto regista James Gunn

Marta
Marta

Più di una settimana dopo Il regista di Guardiani della Galassia della Disney James Gunn ha licenziato di fronte alle battute crude e offensive fatte dal regista anni fa, alcune delle più grandi star della serie hanno mostrato il sostegno del pubblico. Se sei curioso del futuro dell’MCU o anche della cultura pop in generale, probabilmente vedrai la seguente lettera fluttuare su Twitter, Instagram e altri siti di social media:

#IStandWithJamesGunn #RehireJamesGunn #WeAreGroot pic.twitter.com/w3uh61hd7830 luglio 2018

Vedi altro

E nel caso in cui tu abbia problemi con la dimensione del carattere, ecco una trascrizione completa:

“Ai nostri fan e amici:

Supportiamo pienamente James Gunn. Siamo rimasti tutti sorpresi dal suo colpo improvviso la scorsa settimana e abbiamo deliberatamente aspettato questi dieci giorni per rispondere per pensare, pregare, ascoltare e discutere. A quel tempo, il supporto dei fan e dei membri dei media ci ha ispirato a sostenere James che vuole ripristinare James come regista del Volume 3 e scoraggiare le persone dal credere che le teorie del complotto siano così facili.

Siamo stati onorati di essere nei film dei Guardiani della Galassia in tutte le nostre vite. Non possiamo permettere che questo momento passi senza esprimere il nostro amore, sostegno e gratitudine a James. Non siamo qui per difendere le sue battute molti anni fa, ma per condividere la nostra esperienza dopo aver trascorso molti anni insieme a fare leghe come Guardiani della Galassia 1 e 2. Il personaggio che ha interpretato dopo il suo tiro è coerente con l’uomo che era ogni giorno sul set, e le sue scuse, ora e anni fa, quando ha affrontato queste osservazioni per la prima volta, crediamo che venga dal cuore, un cuore che tutti conosciamo, ci fidiamo e amiamo. Dedicando ognuno di noi ad aiutarlo a raccontare la storia dei malfunzionamenti che trovano riscatto, ha cambiato per sempre le nostre vite. Crediamo che il tema della redenzione non sia mai stato così attuale come lo è ora.

Non vediamo l’ora di lavorare di nuovo con il nostro amico James in futuro. La sua storia non è finita – non con un tiro lungo.

C’è poco giusto processo in tribunale per l’opinione pubblica. James probabilmente non era l’ultima brava persona sotto processo. Data la crescente divisione politica in questo paese, è sicuro dire che tali casi continueranno, anche se speriamo che gli americani di tutto lo spettro politico possano mitigare l’assassinio di carattere e fermare uno stato d’animo di movimento.

Ci auguriamo che ciò che è venuto alla luce possa servire da modello per tutti noi per renderci conto dell’enorme responsabilità che noi e gli altri abbiamo per l’uso delle nostre parole scritte quando le incidiamo nella pietra digitale; che noi come società possiamo imparare da questa esperienza e pensare due volte al futuro prima di decidere cosa vogliamo esprimere; e in questo modo l’apprendimento può trarre vantaggio dall’aiuto e dalla guarigione invece di ferirsi a vicenda. Grazie per aver dedicato del tempo a leggere le nostre parole. “

La lettera è co-firmata da Chris Pratt (Star-Lord), Zoe Saldana (Gamora), Dave Bautista (Drax), Karen Gillan (Nebula), Bradley Cooper (Rocket voice), Vin Diesel (Groot voice), il fratello di James Sean Gunn (Rocket mo-cap / Kraglin), Pom Klementieff (Mantis) e Michael Rooker (Yondu).

Sebbene la lettera non richieda direttamente il ripristino di Gunn come direttore di Guardiani della Galassia 3 (sebbene il suo Petizione di Change.org a tal fine), tuttavia è un deciso respingimento – anche se rispettoso – contro la decisione di Disney Gunn di rimuovere il film in uscita.

Mi chiedo perché James Gunn dei Guardiani della Galassia 3 è stato bruciato? Leggi il nostro rapporto per le dichiarazioni di Gunn e Disney.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *