I migliori scatti: The Rise of Ultraman # 1 recensione “una grande esperienza visiva”

Marta
Marta

(Credito immagine: Marvel Comics)

Uno dei più grandi eroi del Giappone ottiene un debutto in una commedia americana prodotta in modo agile ma un po ‘frustrato Rise Ultraman # 1. Offrendo un corso accelerato alla bizzarra sorpresa che la variegata Ultra Series del genere tokusatsu che include spettacoli come Kamen Rider e Super Sentai (aka Power Rangers), The Rise of Ultraman # 1 tiene i neofiti un po ‘in movimento.

Mentre un bel mix dei vari spettacoli di Ultra, distillato in un’introduzione # 0 in stile Marvel ben confezionato, la prima edizione di Kyle Higgins e Mat Groom per questa serie sembra essere molto più focalizzata sulle cose intorno a Ultraman e non sull’essere troppo terribile per Ultraman e per lui stesso, il suo nuovo ospite umano, Shin Hayata.

Sebbene questo sia molto interessante, specialmente le due visioni di una United Science Patrol simile a SHIELD (una delle caratteristiche principali delle iscrizioni di Ultraman) e il mondo pieno di kaiju che protegge, la frustrazione è un dettaglio reale e pop degli spettacoli classici. oscuro dietro i titoli della narrazione riattivati. Manca anche il marchio di fabbrica Ultraman vs Kaiju che ha concluso la maggior parte degli episodi, ed è sicuro che i fan a lungo termine sperano di vedere Ultraman suplex Bemular (che ha un cameo qui, felice di dire) o un altro nuovo mostro fuori dal cancello. . Sebbene sia reso profumatamente, nelle pagine principali e nelle storie di backup giocose che danno il via al numero e hanno il potenziale per essere divertente, The Rise of Ultraman # 1 è una prima edizione frustrante ma una grande domanda 0.

(Credito immagine: Marvel Comics)

A partire dal buono, The Rise of Ultraman # 1 sembra fantastico. Immerso in colori ricchi, come Ultimate Universe di Espen Grundetjern e riccamente illustrato dalle matite di Francesco Manna, insieme a Ed McGuinness, Michael Cho e Gurihiru nelle pagine di backup, The Rise di Ultraman # 1 è una grande esperienza visiva. Mentre i backup hanno lanci più chiari, come l’ampia commedia “Kaiju Steps” (una sorta di video sulla sicurezza aziendale con uno studente della United Science Patrol e mini Kaiju Pigmon che distribuisce lezioni) e il bianco e nero umore fondante della scienza Le pagine principali di Patrol, Manna e Grundetjern sono alcune serie sulla loro arte ed esecuzione.

Per prima cosa, la coppia continua in realtà nei modelli di personaggi manga e anime più ampi senza abbracciare completamente lo stile o la forma dell’anima – una trappola che molti adattamenti americani cadono sulle proprietà giapponesi. Invece, utilizzando la base relativa della sceneggiatura, la coppia offre ai lettori un’introduzione visiva “realistica” al mondo di Ultraman e della pattuglia della scienza attraverso pezzi ben disposti (ma raramente “brillanti”) e scene esposte. La coppia mostra anche di non aver paura di usare il linguaggio visivo di un altro genere per arricchire il proprio lavoro. Il linguaggio in questione è il linguaggio dell’orrore, poiché la prima introduzione a Kaiju in questa serie suona più come un film di mostri PG-13 e meno come una lotta teatrale e scintillante su Kamen Rider. C’è una netta tensione nel mezzo di una prima edizione che è piuttosto un archivio, spero che la serie ne faccia un uso maggiore in futuro.

Ma sfortunatamente, questo mi porta alle cose che non funzionano in The Rise of Ultraman # 1. Questa è la prima storia leggermente complicata di Kyle Higgins e Mat Groom. Considerando la fase iniziale del numero 0, questo numero 1, ammettiamolo, deve introdurci a molti personaggi e costruzioni globali. Detto questo, quella roba funziona! Un ringraziamento molto affascinante a Higgins e Groom insieme è la nostra guida: lo studente molto ambizioso dell’USP Kiki Fuji e il suo amico, ma anche tecnicamente dotato, Shin Hayata. Sentono anche che ci sono personaggi strutturati in un mondo ricco, che Higgins e Groom lavorano anche per svendere il freddo e il pericolo di esso.

Tuttavia, nella costruzione del mondo, la strana decisione è riattivare gran parte dei dati più fini nei sottotitoli. Si tratta di telegrafare la United Science Patrol che nasconde cose (qualcosa che Higgins e Groom fanno già nell’apertura fredda, negli scambi di dialoghi e nel modo ombroso in cui si comportano i funzionari USP), e mentre questo si presenta, si legge molto goffo e potrebbe davvero alienare i nuovi fan che guardano per effettuare un acquisto con il nuovo punto di ingresso.

Immagine 1 di 3

(Credito immagine: Marvel Comics)

Anteprima # 1 di Rise of Ultraman

Immagine 2 di 3

(Credito immagine: Marvel Comics)

Immagine 3 di 3

(Credito immagine: Marvel Comics)

L’opzione più strana è trattenere un’effettiva trasformazione di Ultraman nella prossima edizione, che per me sembra più una mossa zero rispetto alla sola prima edizione. Soprattutto perché la maggior parte dei piloti Ultraman finisce sempre con il nostro comando (in questo caso Shin) che effettua il contatto, cambia e poi abbatte Kaiju. Sebbene non sia certamente previsto per il numero 1 e quelli che consentono al team creativo di crescere probabilmente dalla serie negli archi successivi (non ancora richiesti), sono preoccupato per come sarà letto alle persone che sono accessibili e complete di Ultraman. ‘ricerca.

Il che, purtroppo, rende ingiusto The Rise of Ultraman # 1. Sebbene sia stupenda nel complesso e piena di fascino e di strane parti di trama, la storia non è accessibile a coloro che non sono così veloci sul personaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *