I 27 personaggi dei film più controversi

Marta
Marta

Gus

Gli straordinari dipinti epici offensivi di DW Griffiths resero i neri americani liberi come nuotatori assetati di potere e il Klu Klux Klan come eroi della campagna di destra.

Il punto critico razzista del film riguarda il personaggio di Gus, un veterano della Guerra Civile (interpretato da un attore bianco in nero) che chiede a una donna bianca di sposarlo.

Si rifiuta e continua, solo per rifiutare e stringere il Klan, trionfante. Bello.

Regan MacNeil

L’adolescente che è stata naturalmente torturata da Linda Blair sta interrompendo gravemente la sua trasformazione da una mutazione demoniaca panamericana dalle guance di mela a una mutazione demoniaca con la lingua.

Il film è stato rilevato al momento del rilascio: ci sono state segnalazioni di spettatori che vomitavano e sparivano nei cinema, con alcuni distribuendo speciali “sacchi di vomito”.

Ma la cosa più inquietante è stata la vista del tredicenne Blair che urlava a disagio (“Lascia che Gesù ti fotti!”) E il suo inguine incrociato con una croce. Non puoi vederlo.

Linda Lovelace

Nel primo successo in assoluto con un crossover, Lovelace interpreta se stessa come una donna il cui clitoride, che un medico la informa, giace in fondo alla gola, provocando un periodo frenetico di tentativi e di fellatio.

Con il procedere della trama, il suo degrado e le sue incomprensioni sono scandalosi, ma ciò non ha impedito al film di avere successo al botteghino (le stime vanno da $ 100 milioni a $ 600 milioni per l’FBI) e ha ispirato che sia un mainstream non specificato. interesse per la pornografia.

Lovelace in seguito ha affermato che il marito violento l’ha costretta a recitare nel film e che chiunque lo guardasse “mi guarda mentre vengono violentata”.

Chucky

La bambola assassina raccapricciante è una creazione insormontabile di questo film slasher degli anni ’80 a buon mercato, che abbraccia l’innocenza della giovinezza e urla in incubi sfregiati e omicidi.

Il legame tra bambini e omicidio ha creato una prevedibile tempesta da tabloid, e mentre gli esperti hanno costantemente respinto i collegamenti a veri omicidi, è stata citata una delle sequenze di Child Play nel caso dopo l’omicidio del 1993 del bambino James Bulger.

Hamza

Moustapha Akkad, il regista di questa epopea religiosa, era così ansioso di portare la storia di Maometto sullo schermo che non solo ha accettato i finanziamenti dal colonnello Gheddafi, ma ha rispettato attentamente una convinzione musulmana sulle rappresentazioni di Maometto, che ha impedito il suo personaggio. visto nel suo film.

Invece il film è diretto dallo zio del profeta, Hamza, interpretato da Anthony Quinn, e la musica d’organo viene suonata durante le scene in cui Maometto sarebbe (effettivamente) presente.

Ciò non ha fermato un gruppo musulmano estremista assediò tre edifici a Washington DC nel 1977 e chiedendo di fermare l’uscita del film.

Aladdin

La prima delle due controversie sul razzismo Disney sulla lista. Gli spettatori e i critici si sono chiesti perché assomiglia ad Aladdin, un coraggioso monello di strada un tipico eroe Disney con una leggera abbronzatura , e il il cattivo del film era senza sforzo, stereotipicamente, il Medio Oriente .

Peggio ancora, il testo della canzone “Arabian Nights” diceva per la prima volta “Dove ti tagliano l’orecchio se non gli piace la tua faccia” prima che arrivasse una denuncia dal Comitato anti-discriminazione arabo-americano per cambiarli in “Dov’è piatto ed enorme e il caldo è intenso. “Molto meglio.

Catherine Tramell

La definizione di carriera di Sharon Stone definisce come la psicopatica sexy e pugnalata e l’autrice Catherine Tramell è davvero elettrizzante, con Stone che sfrigola sullo schermo (con Michael Douglas moderatamente flaccido) e tutti rivelano la scena dell’incrocio delle gambe.

Mentre il punto prepotente dell’erotismo di Stone è diventato un punto di discussione internazionale, i gruppi gay e bisessuali si sono lamentati del fatto che lei abbia ritratto un’altra rappresentazione hollywoodiana delle sessualità alternative come contraddittoria, feticizzata e omicida. Avevano ragione.

Dil

The Crying Game si trasforma da un cruento thriller di vendetta a un dramma romantico intelligente senza perdere un colpo, e fonde i due insieme allo spettacolo che rivela che l’ex Dil è un soldato morto – interpretato dal lussuoso androgino Jaye Davidson – un uomo (ehm, spoiler!) Del fagiolo.

Piuttosto che turbolenze, lo spin ha suscitato polemiche positive: i critici facevano a gara per vedere chi poteva fare a pezzi i suoi lettori senza esporre il film, e il marketing mirato si è concentrato sul segreto del suo grande successo.

Telly

Il luccicante accenno della lancia della rabbia è la candida sbirciatina di Larry Clark sulla vita degli adolescenti di New York. Telly è il punto focale dello spettacolo: un portatore di AIDS a sua insaputa, che sostiene costantemente che dorme solo con le vergini per evitare malattie e violenta una ragazza minorenne all’inizio del film.

La tempesta che circonda il film ha costretto il distributore di proprietà della Disney Miramax ad annullare i loro piani per rilasciarlo, spingendo i presidenti Bob e Harvey Weinstein a metterlo fuori indipendentemente.

Paraspruzzi e pattini

I nuovi stupidi personaggi “taglienti” di Autobot aggiunti al sequel di Transformers (“sono venuti dallo spazio” è la traballante linea ufficiale della trama) sembrano essere solo alcuni giocattoli extra da spostare.

Qualcosa che potresti pensare, avrebbero potuto fare senza essere tanto caricaturali quanto offensivi. Per qualsiasi motivo, i gemelli, che hanno orecchie storte e denti storti, parlano a quella che la maggior parte dei critici ha scelto come magia rurale afroamericana.

Anche gli autori del film, Alex Kurtzman e Robert Orci, sono rimasti sbalorditi. “È molto difficile per noi sederci qui e cercare di difenderlo”, ha detto Kurtzman. “Anche noi siamo rimasti molto sorpresi quando l’abbiamo visto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *