Gestire Google Stadia: sono incredulo per la bassa latenza

Marta
Marta

Google Stadia promette molto: gioca a giochi AAA su quasi tutti i dispositivi con schermo e connessione Internet, non sono necessari computer o console ad alta potenza. Le piattaforme di gioco cloud in genere fissano aspettative molto elevate, ma la latenza del tallone d’Achille, il ritardo tra la pressione di un pulsante e il gioco in streaming, risponde con l’azione. Ho sempre dubitato di uno scetticismo più sano nei confronti del cloud gaming, incredibile che ho potuto ottenere tanto feedback dal cloud quanto da un sistema locale. Ma dopo aver provato Stadia alla Game Developers Conference 2019 poco dopo la sua grande presentazione, sono rimasto sbalordito da come fosse normale tutto mentre giocavo in streaming attraverso il cloud.

Se stai cercando specifiche tecniche e misurazioni fino al millisecondo di come Stadia gestisce la latenza, la gente di Fonderia digitale Ho eseguito alcuni test approfonditi. Mi piace pensare di poter, in un modo un po ‘hippy-dippy, fare valutazioni simili solo con il tatto. Se il mio personaggio diviso impiega secondi extra per reagire quando faccio una mossa, una così piccola disconnessione tra azione e reazione può rovinare la mia esperienza. È lo stesso senso quando noti che il suono di un film non è perfettamente abbinato ai movimenti delle labbra degli attori, il che può farti infuriare rapidamente. Sono andato alla stazione dello spettacolo Stadia supponendo di aver sentito immediatamente una tale decrittazione, pronto a respingere le ambizioni di Google. Ragazzo, mi sbagliavo.

Giocare per credere

In poche parole, non avrei mai immaginato di suonare Assassin’s Creed Odyssey e del 2016 Servire dal cloud se non lo sapevo già. Dopo aver partecipato al beta test di Project Stream con Odyssey, ho pensato che il gioco sarebbe apparso un po ‘declassato o avrebbe ampliato la precisione dei miei input, ma ha gestito entrambi con facilità. Non sono una trama e non posso dirti subito il segreto di un gioco solo con uno sguardo allo schermo, ma tutto sembrava fantastico e ha funzionato senza intoppi, senza alcun intoppo nel frame rate. Sfortunatamente, non ho avuto la possibilità di utilizzare l’attuale controller Stadia; invece, stavo rilasciando frecce e affrontando il corpo a corpo usando un controller cablato (uno di quei grafici di gioco Logitech che era molto economico ma molto funzionale).

Qualunque cosa facessi, non potevo ingannare o viaggiare lungo il torrente, anche mentre giravo casualmente in tondo o zigzagando intorno alle scogliere. Il combattimento sembrava completamente naturale, senza differenze riconoscibili nei tempi di schivate e parate, ei menu non avevano problemi nemmeno a gestire il mio sfarfallio troppo zelante avanti e indietro tra i pannelli. Ok, quindi Assassin’s Creed Odyssey ha superato un rapido test, ma il sangue frenetico di Doom si sentirebbe sicuramente come il primo che scorre dalla nuvola.

No. Giocando su un mouse e una tastiera cablati, sono rimasto più volte stupito di come appariva e si sentiva tutto pronto per la macelleria. Le animazioni molto violente di Glory Kill, mentre strappi un teschio di demone e schiaffeggi l’inferno con il tuo pugno, non perderai mai un colpo tra le esplosioni di un fucile. Questo display Stadia includeva la capacità di imitare varie fasi della connettività di streaming, tra cui “Eccellente”, “Degradato” e “Severo”. Suonavo con un’eccellente connessione, ma anche guardando oltre le spalle delle persone che suonavano in condizioni Heavy, sembravano prive di superficie.

Inevitabili gradi di latenza

Certo, ho giocato a ciascun gioco solo per pochi minuti e queste condizioni non riflettono il prodotto finale. L’utilizzo di metodi di controllo via cavo sembrava offrire un vantaggio significativo rispetto al controller Stadia connesso al WiFi e queste dimostrazioni si sono svolte nel San Francisco Moscone Center, dove sono accessibili molte posizioni di server ad alta potenza.

Dopo il mio tempo pratico, ho continuato a pensare all’idea di “latenza impercettibile” emersa durante un panel ospitato da Google all’inizio della giornata, intitolato “Cloud Gaming: un approfondimento tecnico. “Durante il discorso, Guru Somadder, il leader ingegneristico di Stadia, ha parlato della latenza come qualcosa che non può essere completamente eliminato”. La latenza è presente in ogni azione che intraprendi e in ogni pipeline di trasferimento dati che hai “, ha detto Somadder.” Ad esempio, il trasferimento HDMI richiede tra 16 e 33 ms sul display. Il tuo monitor di gioco funziona a 4 ms, alla migliore frequenza di aggiornamento. Anche le normali periferiche USB sono a circa 8 ms. “Questi limiti di latenza fanno anche parte della nostra fisiologia: il cervello umano impiega 30 ms e fino a elaborare gli stimoli visivi, e saranno almeno 70-180 ms prima del tuo cervello. I comandi possono raggiungere le tue dita.” Mitigare gli effetti della latenza è fondamentale “, Ha detto Somadder.” Il nostro obiettivo è renderlo impercettibile per i giocatori “.

Credo ancora che ci saranno alcune limitazioni a ciò che Google Stadia e il cloud gaming in generale possono realizzare. Ad esempio, non riesco a immaginare che i giochi di combattimento aumentino vertiginosamente sul servizio; I giocatori di alto livello sono estremamente sensibili alla latenza imperfetta, perché alcune animazioni di attacco durano solo uno o due fotogrammi. Far girare un bersaglio in movimento da tutti gli angoli della mappa in uno sparatutto multigiocatore richiede più precisione rispetto a correre verso un fan della palla di fuoco e sparargli da un punto bianco.

Ma una volta che hai già avuto modo di provare Stadia per te stesso, è difficile discutere dei risultati. Personalmente non ho intenzione di acquistare presto il cloud gaming, poiché non credo che potrei mai permettere che i miei giochi esistenti facciano parte di un oggetto fisico vicino, sia esso un disco rigido, una cartuccia o un disco. Ma se ti piace l’idea di giocare a giochi fantastici senza la necessità di una console o un PC costosi, per non parlare di molte funzionalità extra come gli stati condivisi, il futuro offerto da Stadia sembra molto luminoso.

Eccoli Le 5 principali domande a cui Google Stadia deve ancora rispondere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *