Final Fantasy 16 è un remake realizzato in riconoscimento del successo duraturo di Final Fantasy 14

Marta
Marta

(Credito immagine: Square Enix)

È giusto che Phoenix sia anche presente in modo prominente nel gameplay di Final Fantasy 16, che si rivela come una sorpresa esclusiva non temporanea per PS5. Come convocazione ricorrente, Phoenix raramente riceve lo stesso amore e la stessa attenzione tradizionalmente riservata a personaggi del calibro di Bahamut, Shiva, Titan e, ovviamente, Ifrit. Ma eccolo qui, a chiudere le corna con il famoso elemento del fuoco su una sonnolenta città medievale – un conflitto così formativo come i regni gemelli, che questo gioco sicuramente attraverserà, che brucia nel logo luccicante stesso.

Quando Naoki Yoshida e Hiroshi Takai una volta furono incaricati di lanciare Fiamme della Rinascita su un moderno Final Fantasy 14 – un regno che è stato letteralmente ricostruito dalle ceneri di un lancio fallito – ora spetta al produttore e al regista rendere la trasformazione più difficile: Presentazione Final Fantasy alla prossima generazione. Phoenix non è solo un Eikon dominante delle fazioni di guerra nel mondo di Final Fantasy 16, ma è anche un riconoscimento del successo duraturo di Final Fantasy 14 e una dimostrazione della sua influenza dietro le quinte a Square Enix.

Campo rinato

(Credito immagine: Square Enix)

E così la Creative Business Unit III interviene per fornire la sua prima voce principale per giocatore singolo nella serie Final Fantasy. Lo sviluppo è guidato dal regista di The Last Remnant Hiroshi Takai, con Naoki Yoshida a bordo come produttore mentre continua a supervisionare la costante evoluzione di Eorzea. I nuovi team creativi tendono a portare con sé nuove prospettive, quindi forse è per questo che questo gioco ha un aspetto globale piuttosto che gli ultimi giochi principali di Final Fantasy.

Final Fantasy 15 2016, insieme a Final Fantasy 13 e ai suoi sequel, è stato intriso di fantascienza, ambientato in importanti ambientazioni futuristiche con elementi fantasy. Al contrario, Final Fantasy 16 trova le sue radici nella serie di lunga data, ambientandosi al crocevia tra magia e medievale. Di conseguenza, il nostro primo sguardo a Final Fantasy 16 sembra un po ‘rilassato rispetto ai suoi predecessori più immediati. La tavolozza dei colori è più profonda, le armi sono fatte di acciaio deteriorato e il dramma si basa sulla lavorazione politica di regni in guerra e navi familiari.

Questo è un gioco di Final Fantasy, ovviamente, quindi tutto quel dramma ruota attorno al cristallo e ai discorsi dei crociati. Ci sono riferimenti a una grande battaglia tra i Regni Gemelli, una potente forza nei Dhalmek, cavalieri che cavalcano Chocobo equipaggiati per la guerra e alti Maghi che lanciano magie elementali in combattimento. Mai prima d’ora si è parlato del Mothercrystal – uno dei quali sembra applicarsi a tutte le nazioni – e di come la sua benedizione sia richiesta per difendere il regno dalla diffusione dello Squarcio, un male che senza dubbio minaccerà la terra. meno sangue e guadagnato EXP.

Immagine 1 di 9

(Credito immagine: Square Enix)

Immagine 2 di 9

(Credito immagine: Square Enix)

Immagine 3 di 9

(Credito immagine: Square Enix)

Immagine 4 di 9

(Credito immagine: Square Enix)

Immagine 5 di 9

(Credito immagine: Square Enix)

Immagine 6 di 9

(Credito immagine: Square Enix)

Immagine 7 di 9

(Credito immagine: Square Enix)

Immagine 8 di 9

(Credito immagine: Square Enix)

Immagine 9 di 9

(Credito immagine: Square Enix)

I giocatori di Final Fantasy 14 avranno senza dubbio familiarità con il testo qui, con The Mothercrystal (o Hydaelyn) che appare come un personaggio centrale durante la sequenza temporale dell’MMO. Ovviamente, i cristalli hanno sempre svolto un ruolo significativo nei giochi di Final Fantasy, quindi non è una sorpresa vederli posizionati in questo modo in Final Fantasy 16, ma è interessante pensare a come Takai e Yoshida potrebbero aver trasportato quei temi in questo nuovo gioco di ruolo d’azione .

“Eikon” è spesso menzionato anche nel trailer di FF16, un altro termine che sarebbe apparso in Final Fantasy 14 per descrivere i Primals – o “convocazioni”, come li conosciamo tradizionalmente. Quello che stiamo ancora cercando di capire è quanto sia centrale il Mothercrystal nel modo in cui la magia e le evocazioni vengono presentate nel gioco. Da quello che possiamo divinamente, alcune persone nel campo sono chiamate “Dominanti” di certi “Eikon”, vale a dire, Evocatori che hanno il potere di rilasciare un particolare Primordiale elementale come designato dal Mothercrystal.

Analisi del gameplay di Final Fantasy 16

(Credito immagine: Square Enix)

La rivelazione del gameplay trascorre gran parte del suo tempo concentrata su un giovane erede reale di nome Joshua, il comandante della Fenice, che ha il potere di guarire e che è in grado di interpretare Eikon mentre è sotto costrizione. Possiamo dire che si presume che ogni Dominante abbia una sola convocazione assegnata, allineata con l’elemento di una nazione Mothercrystal, dall’esclamazione shock dei personaggi quando Ifrit (che ha una buona somiglianza con la sua forma in FF14) entra nell’imitazione, con un soldato uno che grida: “Secondo fuoco Eikon … ma è impossibile!”

Non c’è dubbio che l’emergere di Eikon aggiuntivi sarà un tema centrale in Final Fantasy 16, poiché lo smantellamento di ‘Crystal Legacy’ da parte degli eroi senza nome sarà sotto controllo – indicato solo come ‘Joshua’s Shield’, come è stato posizionato Gladio come Noctis Shield in Final Fantasy 15. Sembrerebbe anche che Final Fantasy 16 duri per un lungo periodo di tempo: vediamo il nostro personaggio principale come un giovane cavaliere e un frantoio brizzolato, con il marchio sfregiato sulla sua guancia – quindi aspettati alcuni grandi eventi legato ai salti temporali.

Abbiamo visto solo un assaggio di lui in azione e il gameplay rivela che il combattimento in tempo reale di Final Fantasy 15 e Final Fantasy 7 Remake tornerà, sebbene si concentri su un personaggio con una stella piuttosto che su un gruppo. È difficile identificare tutto ciò dal nostro breve sguardo al combattimento, ma sembrerebbe essere una versione più rapida e leggermente più fluida dell’azione vista in FF15. È anche interessante intrecciare gli attacchi elementali basati su Eikon anche nel combattimento fisico, con Phoenix, Titan e Garuda che evocano segni distintivi e combo di segnalatori visivi.

Square Enix ha ancora molto da rivelare, ovviamente, ma è probabile che nuove informazioni arrivino in qualche modo. Yoshida ha confermato che la prossima grande rivelazione è prevista per il 2021, quindi giocheremo nel campo della speculazione per molto tempo. Tuttavia, la rivelazione di Final Fantasy 16 è stata una rappresentazione fiduciosa e una grande cosa per coloro che desiderano tornare alle avventure medievali più crude che hanno contribuito a definire molti dei primi anni del franchise.

Final Fantasy 16 arriverà su PS5, anche se non ha ancora una data di uscita. Se vuoi mettere le mani su una console, abbiamo tutte le informazioni sul preordine di PS5 qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *