Elder Scrolls Online: Markarth DLC crea un finale esplosivo per Dark Heart di Skyrim

Marta
Marta

(Credito immagine: ZeniMax Media)

La saga di Skyrim di Elder Scrolls Online, lunga un anno, è quasi finita, ma non uscirà in silenzio. Il direttore creativo Rich lambert afferma che l’azione è “bollente” dal momento in cui inizi la ricerca del prologo, ora disponibile gratuitamente prima del lancio del DLC Markarth il 2 novembre per PC, Mac e Stadia e il 10 novembre per PS4 e Xbox One.

L’evento di un anno Dark Heart of Skyrim si avvicina a un nuovo pacchetto DLC che introduce The Reach come una nuova zona, una nuova arena per solisti e un finale narrativo ricco di azione. “La storia inizia immediatamente con l’azione. Quindi, proprio dalla ricerca del prologo, riportiamo un personaggio che hai imparato a conoscere e ad amare dal gioco base. Ha un segreto di cui non è molto orgoglioso, ed è una specie di svolta la tua il mondo è sottosopra “, Lambert fugge.

“La storia principale di questo DLC è il momento clou della trama di Dark Heart of Skyrim”, mi dice Lambert. “A parte questo, gran parte della sottostoria in questo DLC si concentra su Reach e le persone … Fino a questo punto, abbiamo interpretato solo le persone di The Reach come cattivi. Quindi ora puoi vedere l’altro lato loro, per conoscere la loro cultura, per conoscere quello che fanno e per la loro fede “.

Come ci si potrebbe aspettare, la nuova zona introdotta a Markarth è The Reach, uno dei nove possedimenti di Skyrim la cui capitale è la città del titolo di Markarth. Ovviamente riconoscerai le origini e la struttura di Markarth da The Elder Scrolls 5: Skyrim, ma Lambert dice che il team creativo è “due volte giù nell’atmosfera oscura e gotica” che ha dato il tono al DLC Stonethorn. Quindi, aspettati le stesse vibrazioni horror per colorare la versione ESO di The Reach, così come il DLC Markarth in modo più ampio. Lambert, lottando per ricordare il nome esatto di uno dei nuovi mostri di Markarth, lo ha replicato con orgoglio e gli ha presentato un “enorme insetto di rinoceronte”, che sembra orribile.

“Gli Uomini del Reach sono persone molto selvagge in sé, quindi quando entri a Markarth, la prima volta che lo vedrai sarai tipo ‘hey, questo è molto diverso da quello che ho visto in Skyrim.’ Le strutture principali non cambiano perché è questo grande forte in pietra costruito sul fianco di una montagna, ma è stato decorato da The Reach – dirò ‘decorato’ tra virgolette – per i loro gusti, quindi c’è un feto ovunque. E quel tema è stato portato avanti per tutto il DLC “, dice Lambert.

(Credito immagine: ZeniMax Media)

La nuova arena singola si chiama Vateshran Hollows, i cui numerosi combattimenti contro i boss, percorsi sbloccati e “potenti segreti nascosti” sono progettati per mettere alla prova i giocatori fino ai loro limiti. Dopo un po ‘di riflessione, Lambert mi dice che Vateshran Hollows sta partecipando come “il miglior pezzo di materiale che abbiamo fatto”. E come se non bastasse di per sé, descrive l’ala finale dell’arena come “questo fantastico, epico, folle boss fight”.

Lambert si è anche preso il tempo di vedere in anteprima un nuovo evento in-game in arrivo su ESO il 23 settembre. I tesori perduti di Skyrim ruoteranno attorno al sistema delle antichità, che è stato aggiunto al gioco a Greymoor e assegna ai giocatori un compito con un tesoro scavato, premiando i giocatori con la loro nuova casa come primo premio. Non so voi, ma la mia casa dell’ESO è più piccola dell’armadio nel mio vecchio dormitorio del college, quindi potete scommettere che sarò presente per il prossimo evento. Più tardi, in ottobre, assisteremo al Festival delle streghe in stagione, seguito dalla Celebrazione imperterrita a novembre e, infine, dal Festival della nuova vita per trasportarci nel nuovo anno.

Aspettatevi circa 10-15 ore di nuovi contenuti della storia in Markarth, oltre al nuovo regno e ai boss del mondo. Naturalmente, c’è anche una lunga lista delle solite correzioni di bug e miglioramenti della qualità della vita e, soprattutto, un nuovo sistema che ti consente di ricreare e ricreare set di beni non realizzati.

Per quanto riguarda la prossima cosa per The Elder Scrolls Online dopo The Dark Heart of Skyrim, non ho il minimo accenno. Lambert mi diceva solo che lo studio “sta già lavorando al capitolo del prossimo anno”. Fino ad allora, aspettati un ultimo episodio della varietà innevata, gotica e vampirica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *