Dopo Breath of the Wild, Nintendo è ancora interessata alla cronologia di Zelda? Ecco cosa hanno detto

Marta
Marta
Link si trova di fronte alla timeline di Legend of Zelda.

Le persone hanno teorie ben documentate sul luogo Legend of Zelda: Breath of the Wild si adatta alla timeline di Zelda, ma Nintendo non vuole davvero dire nulla di ufficiale. In effetti, non ha paura. Ho parlato con il regista di Breathmar the Wild Hidemaro Fujibayashi e con il produttore della serie Eiji Aonuma del loro gioco all’inizio di questo mese e, dopo essersi congratulati con loro per il Gioco dell’anno 2017 onori – ho dovuto chiedere se la sequenza temporale è ancora interessata.

Sia Fujibayashi che Aonuma erano pronti a prendere l’iniziativa delle loro idee sulla timeline, se non Breath of the Wild. Dico “bello” perché la linea temporale stessa è una resa tridimensionale di una tradizione risolta retroattivamente. Nessun gioco si è mai riferito direttamente ad esso – invece, è stato introdotto nel libro Hyrule Historia, uscito più o meno nello stesso periodo di The Legend of Zelda: Skyward Sword nel 2011. L’intera faccenda non è niente.

“Non direi che non siamo coinvolti nella sequenza temporale”, ha iniziato Fujibayashi. “Ovviamente è qualcosa che sappiamo che è molto importante per le persone, e fanno molte ricerche su di esso. Ma penso che a questo punto non siamo davvero nella fase in cui vogliamo parlare di dove Breath of the Wild è presente nella timeline , Penso, come con il cibo pixelato [Editor’s note: of course I had to ask them what Dubious Food really looks like], è qualcosa che a questo punto vogliamo che lasci l’immaginazione delle persone. ”

Ha notato come la storia si riferisca a eventi accaduti 10.000 anni fa, offrendo ai fan il contenuto per giungere alle proprie conclusioni. Aonuma è quindi intervenuta per fornire un motivo in più per cui Nintendo era riluttante a mettere qualsiasi altra cosa nella pietra dopo Historia.

“Abbiamo pubblicato un libro con la cronologia, ma certamente abbiamo ricevuto commenti dagli utenti che dicevano: ‘È davvero accurato? Penso che dovrebbe essere così. È diverso'”, ha detto Aonuma. “E la storia è sempre un po ‘fantasiosa. Dipende dalla persona che scrive il libro. Quindi è così che ci approcciamo anche noi. Non dobbiamo giocare e pensare,’ Oh, questo è il posto giusto per farlo la sequenza temporale. “Onestamente, ultimamente, abbiamo avuto paura di dire esattamente dove sono le cose nella sequenza temporale per questo motivo. Ma ci piace lasciare le cose all’immaginazione la maggior parte del tempo”.

Così il gioco è fatto. Teorizza con la benedizione degli sviluppatori di Zelda, ma non aspettarti alcuna pronuncia ufficiale da loro. Almeno non fino a quando Hyrule Historia 2 non uscirà nel 2036 per risolvere un altro canone del valore di 25 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *