Cosa aspettiamo con impazienza alla Games Developers Conference 2016

Marta
Marta

Potrebbe non rivelare il momento dell’E3 o l’accessibilità pubblica di convenzioni come PAX, ma la Games Developer Conference è sempre un periodo dell’anno entusiasmante per i giocatori. Se non hai familiarità con la GDC, è qui che sviluppatori, artisti ed esperti di ogni tipo, dagli studi giganti alle ultime startup indipendenti, si riuniscono per tenere discorsi che mostrano il grande mestiere di creare giochi. È anche una grande opportunità per sviluppare i giochi in arrivo e, chiaramente, la GDC 2016 sta emergendo nell’Anno della realtà virtuale.

GDC avrà tutti i grandi vincitori della VR la prossima settimana, inclusi PlayStation VR, HTC Vive, Oculus e tantissimi fan di terze parti. Inoltre, abbiamo la possibilità di vedere giochi che non hanno attrezzi da cintura sul viso, nonché di apprendere i segreti dietro le quinte su come sono nati alcuni dei tuoi giochi preferiti. La prossima settimana ti forniremo un’ampia copertura dalla GDC 2016, ma finora questo è ciò che non vediamo l’ora di fare.

PlayStation VR

È divertente pensare che solo un anno fa, alla GDC 2015, fosse in mostra il programma Project Morpheus, ora noto come PlayStation VR. Nei mesi passati, Sony ha fatto un ottimo lavoro aumentando l’entusiasmo per le cuffie in arrivo, con i prossimi giochi per PlayStation VR che sembravano pieni di promesse. Ma ancora non conosciamo dettagli cruciali come il prezzo, la data di uscita esatta e il rivestimento dei giochi al momento del lancio. Tutto ciò potrebbe cambiare la prossima settimana, poiché Sony ospiterà un evento dedicato per mostrare PlayStation VR in tutta la sua gloria sensoriale.

Il prezzo di PS VR è quello che stiamo aspettando con il fiato annoiato, in quanto è il trucco o le metriche non funzionanti sul successo del nuovo hardware e sul numero di early adopter. Dovresti già aspettarti che ti costerà un centesimo – tanto quanto una console completa, anche – ma se PS VR lancia Oculus Rift e HTC Vive per $ 600 per meno di $ 600, il tuo potrebbe guadagnare un vantaggio sul punto venire. Gara VR. È anche fondamentale che PS VR venga lanciato con almeno un’app killer, preferibilmente inclusa nell’acquisto; Oculus ha fatto una mossa ingegnosa promettendo una copia di EVE: Valkyrie con ogni visore Rift. Uno dei pochi giochi Valkyrie VR che sembra un’esperienza completamente realizzata piuttosto che un display appariscente, e sarebbe una buona cosa lanciare PS VR con qualcosa di profondo come parte della misura costosa.

Mani su HTC Vive e Oculus Rift

La realtà virtuale farà sicuramente un grande successo alla GDC (e probabilmente a tutte le altre convention di giochi quest’anno) perché, al di fuori di PS VR, le cuffie Oculus Rift PC-centric e HTC Vive avranno display prominenti. Laddove Oculus offre una nuova prospettiva di realtà virtuale che va verso il gioco da seduti e ha opzioni di schemi di controllo tradizionali con la compatibilità del controller Xbox One, il Vive è alla ricerca di un’esperienza ologrammi più completa.

L’HTC Vive utilizza sensori che rilevano dove ti trovi nel tuo spazio fisico, permettendoti di camminare nel mondo virtuale. Ci sono molti giochi HTC Vive in arrivo che utilizzano quel nuovo spazio virtuale per creare alcuni concetti di gioco interessanti, dalle gallerie di tiro con gli zombi alle tele creative uniche per l’arte VR. Alla GDC 2016, faremo pratica con giochi come Elite: Dangerous VR e Time Machine VR su Vive, oltre ad alcune prossime periferiche VR. Il tempo trascorso con i tre principali visori VR durante la settimana dovrebbe darci una buona idea di dove sembrano essere diretti i giochi VR nel loro insieme.

Quello che speriamo di giocare

La GDC non sarebbe una vera e propria convention di giochi senza la possibilità di vedere alcuni dei giochi in arrivo dell’anno. Ma questo non è necessariamente il posto giusto per vedere Call of Dutys, Battlefields e altri titoli tripla A in uscita nel 2016. Invece, l’obiettivo è mettere in evidenza alcuni dei molti titoli indie in arrivo, giochi sperimentali e meno in generale. sulle esperienze che mostrano il nostro interesse. A seconda delle tue preferenze, questi giochi possono essere più eccitanti dei successi in arrivo, poiché realizzano una grafica permanente per un’estetica fantasiosa e impiegano alcune premesse davvero esotiche che gridano lontano dagli stessi franchise ben informati.

Oltre alla vasta gamma di indiani interessanti, questo porterà a cuffie VR come dispositivi di gioco. Certo, sarà sempre un vero spasso vedere una breve mostra a tema e sperimentare qualcosa che non hai mai visto prima, come camminare sotto un gigantesco T-Rex o esplorare le profondità più profonde dell’oceano. Ma affinché queste cuffie siano utili per la maggior parte dei consumatori, devono offrire un intrattenimento continuo e riutilizzabile che duri a volte invece di minuti. Non sappiamo ancora se i giochi VR offerti possano soddisfare queste aspettative, ma siamo ansiosi di scoprirlo.

Qualcosa che speriamo di imparare

I pannelli GDC sono pieni di spunti interessanti su come vengono realizzati i giochi, nonché sulle metodologie utilizzate nei loro progetti piuttosto complessi. Discorsi come “Psicologia cognitiva della realtà virtuale: nozioni di base, problemi e suggerimenti” trattano una frontiera completamente nuova per i giochi e possono portare ad alcune allettanti rivelazioni su come funziona la nostra mente subconscia quando coperta e VR. Altri come “È solo emulazione! – La “ sfida di vendere vecchi giochi ” dovrebbe fornire una visione interessante della prospettiva di rimborsare tutti i giochi che abbiamo già sui vecchi sistemi e di come i tipi di valori che contribuiscono a tale acquisto abbiano senso (più oltre il nostro pensato).

Ovviamente, non sarebbe GDC senza alcuni Postmortem dei giochi classici, in cui gli sviluppatori raccontano le storie poco conosciute su come sono nati i giochi e tutte le sfide che hanno affrontato lungo il percorso (probabilmente non ne abbiamo mai sentito parlare). GDC 2016 ne ha alcuni fantastici, tra cui lo sparatutto ritmico psichedelico Rez, l’originale clickfest che è Diablo e il classico arcade Mr. Pac-Man. Forse questa è finalmente un’opportunità per scoprire se l’LSD ha avuto un ruolo nello sviluppo del vivace stile visivo di Rez, e dovrebbe far luce su come si trasporta un gioco esistente in VR (in questo caso, PlayStation VR) .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *