Call of Juarez è più di Dead Redemption a un prezzo ridotto

Marta
Marta

Se fossi un produttore di targhe, se mi chiedessero di scolpire un blocco di mogano da esporre sopra gli ingressi degli uffici di Techland, metterei insieme lo slogan “di volta in volta competente”. Call of Juarez è stato il suo primo passo traballante sulla strada di questo ambizioso impegno intermittente per la qualità. Ha scelto due personaggi che hanno illustrato i concetti che continua a portare nei loro giochi fino ad oggi. Billy ha un “cattivo giudizio frustrante” e Ray è “inaspettatamente brillante”. E ci sono voluti anni per tutta la faccenda del “cowboy dei danni psicologici” prima che Red Dead Redemption ci facesse svenire tutti.

Call of Juarez è ricordato con affetto per averci portato il personaggio del reverendo Ray. Un sermone vivace e duro con una presa sgradevole, che predica a un minuscolo gregge, e che deve fare i conti con un’aperta ribellione per la loro comunità, anche sul pulpito. Ha giurato se stesso dal sentiero dell’omicidio, ed è un tocco pulito quando prendi la sua Bibbia, che è inserita in uno dei tuoi slot utilizzabili per le armi.

Ciò ha portato alla migliore custodia singola a doppia impugnatura nella storia dei giochi: un revolver a sei colpi nella mano sinistra e una Bibbia sulla destra. Una cosa è sparare alle persone nel cappello (e sono felice di confermare che i cappelli volano), ma tirare il grilletto biblico, e Ray legge alcuni dei versi meno banali dai pezzi più violenti e psicopatici della Bibbia. Non è per un effetto: alcuni dei tuoi nemici verranno all’ira del Signore mentre li butti giù, predicherai sul fuoco dell’inferno e darai il suo giudizio sulla Terra. Ray è un raro protagonista di videogiochi. Techland non vuole farti assomigliare a lui: è uno stronzo con danni da trauma e la cui empatia lo ha fatto arrabbiare e pentirsi. È incredibile che sia riuscito a mettere radici per noi.

Poi c’è Billy. Ray è l’opposto di cercare di accontentarci. Soffre di pregiudizi per tutta la vita e ha il tragico lutto di Skywalker anche nel capitolo iniziale. Ma poiché è un personaggio furtivo in un gioco con una furtività terribile e un atleta in un gioco che ti fa sentire come un masso senza grazia, non provi alcuna simpatia per Billy.

Mentre Ray è il tiratore acuto con una capacità di compensazione di rallentare il tempo e segnare sei cuffie, Billy è un platform. Mirror’s Edge a parte, la messa in scena in prima persona non è un genere molto apprezzato e il salto zoppicante di Billy non fa nulla per cambiarlo. Ha una frusta che può essere legata ai rami, ma in un modo così irregolare ti ritroverai appeso a una lastra, guardando le tue gambe tristi che si assottigliano in un inseguimento. La grazia salvifica di Billy è un generoso posto di blocco.

Tu controlli Billy e Ray in capitoli alternati, e mentre Billy è il personaggio che non gli piace, il trauma implacabile della verità arrabbiata e fuorviante di Ray si interrompe. Nella prima mezz’ora, Billy riceve alcune mance inaspettate (e rapidamente tagliate) da una prostituta, e se quella scena accadesse a Ray, ci sarebbe un monologo che odia se stesso che metterebbe in imbarazzo Niko Bellic. Quindi sì – è una corsa rotolante di palline di piattaforma e zolfo – alimentato da proiettili – ma mentre il gioco è mal datato, sta ancora andando bene con una doppia storia sovrapposta molto significativa.

Clicca qui per un articolo ufficiale di Xbox Magazine più eccellente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *