Bruce Wayne torna dalla morte e si vendica in Future State: Dark Detective

Marta
Marta
Stato futuro;  Detective oscuro

(Credito immagine: DC)

Un nuovo Batman ha portato i titoli DC su Future State questa settimana: The Next Batman, e mentre quel mondo futuristico pensa che il Batman originale sia morto … non lo è. La prossima settimana, Bruce Wayne avrà una nuova superficie in Stato futuro: detective oscuro, con Mariko Tamaki e Dan Mora che seguono Wayne mentre scava la tomba dei proverbi e cerca di fermare coloro che lo hanno messo lì.

(Credito immagine: DC)

The Dark Detective fa parte di un imponente evento DC di due mesi che richiederà la maggior parte dei futuri anni e anni della formazione DC per guardare avanti e potenzialmente. Pensa a Batman Beyond o Old Man Logan, ma una scrittura fantastica con linee complete, intersezioni e tessuto connettivo.

Dopo la fine di Dark Detective alla fine di febbraio, il tempo di Tamaki e Mora con Bruce Wayne non finirà, dato che affrontano la serie Comics Detective che ritorna a marzo.

Ahead of Future State: The Beginning of Dark Detective # 1 il 12 gennaio, Newsarama ha parlato con Tamaki di Dark Wave, lo stato di Bruce Wayne in ‘Future State’ e di come questa storia futura getterà le basi per il Batman di oggi a partire da marzo con i fumetti Detective.

Newsarama: Mariko, cosa ti ha fatto decidere di passare da Wonder Woman a Batman?

Mariko Tamaki

(Credito immagine: Shawnee Custalow)

Mariko Tamaki: Ho ricevuto la chiamata. Come una vera chiamata Bat da un editor di Bat. Mi sentivo così, hai presente quei film in cui il profano si occupa solo dei suoi affari e lei è attratta dall’essere come una spia internazionale? Sembrava così. A meno che non avessi scritto un racconto per Detective Comics # 1027, quindi avevo un buco.

Nrama: Questa storia coincide con il prossimo Batman di Tim Fox?

Tamaki: È tutto nello stesso universo e tutte le storie sono attentamente collegate e coordinate dagli editori. Dietro le quinte, è una macchina narrativa molto complessa. In “Future State”, tutti i titoli di Batman devono essere ambientati nello stesso periodo di tempo futuro, in cui governa il magistrato Gotham. La storia di Bruce in Dark Detective avrà alcune conseguenze dirette su Batman’s Next e viceversa.

Immagine 1 di 3

Stato futuro;  Detective oscuro

(Credito immagine: DC)

Future State: Dark Detective Preview # 1

Immagine 2 di 3

Stato futuro;  Detective oscuro

(Credito immagine: DC)

Immagine 3 di 3

Stato futuro;  Detective oscuro

(Credito immagine: DC)

Nrama: Sapevi che avresti abbracciato Detective Comics quando hai preso il concerto di “Future State”?

Tamaki: Penso? È tutto vago. Stavo decisamente lavorando su entrambi ad un certo punto, e lo sono ancora davvero. Era un’interessante routine di giocoleria mentale. Le cose sono molto incentrate su Batman qui intorno. Ho appena comprato una maglietta di Batman, non so perché. Sembrava proprio come fare la cosa.

Nrama: In che modo il tuo concerto di Detective Comics in attesa dietro le quinte ha influenzato la tua storia di Future State: Dark Detective?

Tamaki: Ho provato a tenere sotto controllo entrambi e allo stesso tempo a separare i due mentre scrivevo, ma per evitare troppe sovrapposizioni. Per quanto riguarda “Future State”, ero davvero coinvolto nel mondo in cui era ambientato. Amo l’atmosfera e l’ambiente, quel tipo di atmosfera da Blade Runner di tutte le cose “Future State”. Avevo anche in mente una storia molto specifica per “Future State” e poi si trattava di pensare a un quadro più ampio per il Dark Detective. Come un po ‘più di espansione di Bruce.

(Credito immagine: DC)

Nrama: Ci sono altri eroi Bat che non vediamo l’ora di lavorare con Bruce?

Tamaki: Oh si! Si si. Molto entusiasta di quelli. Ci saranno sempre i personaggi che volevo scrivere. Anche alcuni cattivi.

Nrama: Questa è una storia più grande su Bruce Wayne o Batman?

Tamaki: Di. Hmmm. Immagino di pensare che siano le due facce della stessa medaglia. “Future State” e Detective Comics sono certamente storie su Bruce Wayne che si trova in un posto diverso nella sua vita.

Quindi penso che la differenza di queste storie siano le parti di Bruce Wayne. E la roba di Batman è come la coerenza. Il filo conduttore che attraversa tutte queste storie.

Nrama: Cosa ti piace della scrittura di Bruce Wayne?

(Credito immagine: DC)

Tamaki: Mi piace il tono di Bruce Wayne, la sua sopravvalutazione. Lo considero quest’uomo iper capace che si è saldato nel ruolo di un cavaliere, ma che è anche un uomo che deve essere sulla terra e avere a che fare con le cose umane. Su cui ha impiegato molto meno tempo a lavorare, in un modo meno saldante associato a quella parte della sua vita.

Mi piace pensare a chi diventa Batman e poi pensare a cosa resta indietro. E le conseguenze di ciò. Ovviamente, la maggior parte di questo è nel sottotesto, ma passo molto tempo a pensarci.

Nrama: Come volevi iniziare a definire la tua serie di Detective Comics? Come hai voluto rendere questa storia unica rispetto a una serie precedente?

Tamaki: Cerco di non pensare a come qualcosa sarà unico scrivendo per serie come queste. Penso che, soprattutto nei fumetti, con questa storia lunga e affascinante, a volte, incredibilmente affascinante con queste storie, sia difficile trovare cose che non sono state fatte prima. Cerco di portare una manciata di ispirazioni nelle mie storie, cose che mi hanno ispirato nella commedia e al di fuori dei fumetti.

Come quando guardo di nuovo serie come The Wire, Broadchurch, guardo molti documentari sul crimine e ho visto molti film DC diversi che si occupano di questo oltre a leggere e leggere fumetti. Così. Fondamentalmente i compiti.

Passo molto tempo a parlare con i miei redattori di obiettivi specifici a cui penso di poter portare qualcosa. Poi per lo più cerco di stare al passo.

(Credito immagine: DC)

Nrama: Cosa puoi strappare di ciò che accadrà nel tuo angolo dell’universo dei pipistrelli?

Tamaki: Molti cattivi, alcuni nuovi cattivi. Poi c’è l’arte di Dan Mora. Dan è un talento così incredibile. È stato fantastico lavorare con lo stesso artista su così tante questioni.

Mentre guardano attraverso la prima edizione di “Future State”, tutti stanno per essere sollevati quando vedono cosa hanno fatto Dan Mora, il colorista Jordie Bellaire e il letterman Aditya Bidikar con questa storia.

Nrama: Quindi, nel titolo di Bat “Future State”, ci sono due Batman. Mariko, c’è spazio per due Batman in qualsiasi Gotham, anche nel futuro?

Tamaki: CHISSÀ? Può essere? Io spero? Penso che una cosa che sembra improbabile è che uno di loro metterà più di un Batman a Gotham. Un hamburger non starà insieme.

Tieniti aggiornato su tutti i nuovi fumetti, graphic novel e raccolte di Batman.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *