30 malattie da film più raccapriccianti

Marta
Marta

Trixie Virus – The Crazies (2010)

La malattia: Il virus Trixie, un prototipo di Rhabdoviridae creato come arma biologica mortale.

Entra nella rete idrica di Maurice Ogden, l’ex “luogo più accogliente della Terra”. Non è così vero dopo l’epidemia …

I segni più brutti: Come suggerisce il titolo, si ottiene un folle caso di pazzi: occhi da pazzi e desiderio sanguinario di fare a pezzi le persone.

Quanto tempo dureresti: Un po ‘senza chiedere un punto; avere un modo.

Se sei infetto, vieni portato via; se non lo fai, il tuo cervello sarà presto colpito.

Mulberry Street Virus Rat (2007)

La malattia: La più grande paura di ogni residente in città: un virus che trasporta i topi.

È un’idea spaventosa considerando che non sei mai a Londra da solo a più di pochi metri da uno degli sporchi roditori.

I segni più brutti: Dopo essere stato infettato, ti trasformi rapidamente in una creatura simile a un topo che sembra malvagia e rispetta la carne umana.

Quanto tempo dureresti:
Bene, mettiamola in questo modo: il virus funziona così velocemente che a malapena hai il tempo di notare qualcosa di sbagliato prima che ti accorgi improvvisamente di avere una coda.

T-Virus – Resident Evil (2002)

La malattia: Creato dal Dr. Charles Ashford, il T-Virus era originariamente concepito per essere una cura per la malattia degenerativa, ma la sua capacità di stimolare la crescita cellulare pre e post mortem alla fine uccide l’iniettore.

È trasportato dall’aria e trasferibile al sangue, il che significa che puoi essere infettato se una persona infetta, diciamo, ti morde. Bellissimo.

I segni più brutti: Nonostante ti abbia ucciso, il virus si trova nel cervello della vittima e fa rivivere il corpo – sì, siamo nel territorio degli zombi.

Quanto tempo dureresti: Ci vorranno solo tre ore prima che il virus ti uccida e poi ti trasformi in uno zombi.

Carnosaur Dino-Virus (1993)

La malattia: Creato dal Dr. Jane Tiptree (Diane Ladd), il virus Dino fa sì che le donne infette rimangano incinte di piccoli dinosauri, yuhuh.

Sembra piuttosto carino, tranne per il fatto che Tripp sta cercando di reclamare i dinosauri della Terra e distruggere l’umanità nel processo.

I segni più brutti: Invece di partorire tradizionalmente (beh, questa non è una gravidanza normale), le donne incinte vengono uccise mentre il dinosauro va in uno stile alieno libero.

Quanto tempo dureresti: Se sei impagliato, sei piuttosto condannato.

Rage 28 Days Later (2002)

La malattia: Un virus altamente contagioso a trasmissione sanguigna noto solo come “Rabbia”, questa malattia vive con il suo nome trasformando chiunque sia infetto in un famelico e famelico pazzo.

I segni più brutti: Anche se il regista Danny Boyle non è sicuro che questo sia un film dell’orrore, non giriamoci intorno: abbiamo decisamente a che fare con gli zombi qui.

Ciò significa che l’infezione amorevole e rabbiosa continua e cerca di uccidere tutto ciò che sembra un colpo.

Quanto tempo dureresti: Se prendi una goccia di sangue da qualcuno infettato dalla rabbia, puoi vomitare e urlare come un matto in pochi minuti.

Meglio correre, eh?

Tenafly Viper – Street Litter (1987)

La malattia: Un’infezione causata dal consumo di una marca di vino di 60 anni molto economica chiamata Tenafly Viper.

Il proprietario di un negozio di liquori lo vende ad alcuni senzatetto, nonostante sia molto più grande della data di vendita. Dodgy si tuffa dappertutto.

I segni più brutti: In poche parole: ti trasformi in un mucchio melmoso di sostanza appiccicosa.

Ah, ci piace una buona fusione.

Quanto tempo dureresti:
L’infezione sembra essere rapida sul posto e non esiste una cura conosciuta.

Preparati per una sbornia.

Goo Disease Infection (2004)

La malattia: Quando viene trovata in un ospedale generale oberato di lavoro, questa malattia debilitante inizia come un’eruzione cutanea nera prima di peggiorare …

I segni più brutti: Per prima cosa, se sei pazzo, il virus liquefa i tuoi organi fino a farli sembrare una sostanza verde melmosa.

Vedrai che eri Slimer-ed.

Quanto tempo dureresti: Non molto tempo; entro un’ora dal tentativo di curare un paziente appiccicoso, un’infermiera impazzisce, poi sanguina una macchia verde dagli occhi e dalle orecchie.

DC2 Planet Terror (2007)

La malattia: Un agente biochimico chiamato DC2 e il suo nome in codice “Project Terror”, questo cupo virus viene rilasciato in città come gas.

Trasforma gli abitanti del villaggio in polpette deformate.

I segni più brutti:
Le terribili mutazioni stesse, che vanno da enormi pustole, trasudanti a problemi di pelle come ustioni.

Non bello.

Quanto tempo dureresti:
Queste persone non hanno molto rispetto, quindi se non hai le pistole Rose McGowan nella tua squadra, è improbabile che lo faccia dall’oggi al domani.

Splinter Disease Splinter (2008)

La malattia: Un terribile virus che fa esplodere dardi spinosi e scivolosi dal corpo e lo fa a pezzi.

Rimani bloccato a una scheggia e ti succederà qualcosa di terribile.

I segni più brutti: Le schegge sono piuttosto brutte, ma ancora peggio è il modo in cui una persona infettata da una scheggia di mostro di Frankenstein può crearsi connettendosi con altri frammenti di una persona infettata da una scheggia.

Quanto tempo dureresti: Se sei abbastanza fortunato da ottenere una scheggia, hai bisogno di circa cinque secondi prima che inizi a deformare il tuo corpo in modi orribili e dolorosi.

Virus carnivoro – Cabin Fever (2002)

La malattia: Ispirato dalle esperienze del regista e sceneggiatore Eli Roth con un’infezione della pelle, Cabin Fever è un virus che mangia carne e che si trasmette con l’acqua.

Vedi, un cadavere marcio di eremiti infetti si sta accumulando in un serbatoio, avvelenando l’approvvigionamento idrico.

I segni più brutti: Beh, mangia la tua carne. Proprio fuori dal tuo corpo.

E non salva nessuno: una povera schiava riesce a distruggere metà della sua gamba mentre si rade …

Quanto tempo dureresti: Se non bevi l’acqua, starai bene.

Altrimenti, è meglio iniziare a dire le tue preghiere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *